Nei camion, un brutto episodio ha segnato la quinta tappa della Dakar 2019. Secondo quanto reso noto dall’organizzazione del rally-raid, all’altezza del chilometro 279 della prova speciale si è verificato un incidente tra uno dei mezzi in gara, il Kamaz guidato dal russo Andrey Karginov, e uno spettatore che stava seguendo la corsa fuori dalle aree riservate al pubblico.

La tappa, 776 km di cui 517 dei quali di prova speciale che ha riportato la carovana da Tacna ad Arequipa, in Perù, ha confermato la supremazia dell’equipaggio guidato da campione in carica e tre volte vincitore della Dakar, Eduard Nikolaev (Kamaz), che fin dai primi rilevamenti cronometrici ha ribadito le sue grandi capacità velocistiche e di navigazione. Alle sue spalle, a 3’15 di ritardo da Nikolaev, ad assicurarsi la seconda posizione Dmitry Sotnikov (Kamaz) davanti Siarhei Viazovich (+6’22”) su Maz-Sportauto e Andrey Karginov, quarto al traguardo a 11’47” dalla vetta. Una volta al bivacco, per Karginov è arrivata la squalifica inflitta dalla direzione gara.

Al km 279 della SS, un 60enne sudafricano che stava guardando la gara in una zona non sicura (fuori da quelle destinate al pubblico) è stato colpito da un camion in gara (il #518 guidato da Andrey Karginov) – si legge nella nota diffusa dall’organizzazione – . L’equipaggio è stato escluso dal rally dalla giuria dei commissari per non essersi fermato a soccorrere lo spettatore ferito.

L’uomo ferito ha riportato una frattura al femore. Il team medico del rally lo immediatamente soccorso e trasportato all’aeroporto di Ilo dove è stato aerotrasportato all’ospedale di Arequipa.

L’organizzazione del rally e le autorità locali ricordano che è obbligatorio per il pubblico rispettare le aree di sicurezza (zone riservate agli spettatori) scelte insieme all’organizzazione peruviana e alla autorità di sicurezza locali”.