Stabili anche se restano gravi le condizioni di Robert Wickens, pilota canadese del team Schmidt Peterson Motorsports, vittima domenica scorsa di un terribile incidente durante la gara IndyCar a Pocono. Ricoverato presso il Lehigh Valley Hospital-Cedar Crest di Allentown, in Pennsylvania, dove è stato trasportato in seguito allo spaventoso schianto, il 25enne pilota di Toronto è stato sottoposto un primo intervento chirurgico per stabilizzare la frattura di una vertebra toracica. L’operazione si è resa necessaria in seguito al tremendo volo e impatto contro le barriere di protezione nel corso del settimo giro della corsa. L’intervento, nel corso del quale sono state applicate viti in titanio, è perfettamente riuscito ma, informa il team in una nota, nuovi controlli hanno evidenziato la presenza di una lesione del midollo spinale associata alla frattura. Wickens dovrà affrontare ulteriori interventi per stabilizzare le rotture rimediate agli arti inferiori e all’avambraccio destro mentre la gravità della lesione spinale al momento resta indeterminata.

Robert Wickens, 25 anni / Getty Images
in foto: Robert Wickens, 25 anni / Getty Images

Notizie dunque poco confortanti dopo il sollievo iniziale che era scaturito dalle prime informazioni sul suo stato di salute che descrivevano il pilota come “sempre vigile e cosciente” durante i soccorsi e il trasferimento nel vicino ospedale. Successivi accertamenti radiologici hanno inoltre mostrato una contusione polmonare. Le prossime ore saranno dunque determinanti per capire come evolverà il quadro clinico e quali saranno i tempi e il percorso di riabilitazione. Wickens, grande protagonista del campionato Indy nonostante quella di quest’anno sia soltanto la sua stagione di esordio nella serie americana, ha fatto il suo debutto nel team Schmidt Peterson Motorsports come sostituto di Mikail Aleshin, conquistando la pole nella gara inaugurale di St. Petersburg. Attualmente sesto in campionato, ha chiuso sette volte nella top five in quattrodici gare ad oggi disputate.