Tony Cairoli in azione / FC
in foto: Tony Cairoli in azione / FC

Primo round degli Internazionali d’Italia di Motocross a Riola Sardo (Oristano) ed è subito doppietta per Tony Cairoli. Nella sfida più attesa, l’Elite, la superfinale riservata ai 20 migliori piloti delle manche di MX1 e MX2, il nove volte campione del mondo si è portato subito in testa, imponendo un ritmo imbarazzante per gli inseguitori che non hanno potuto nulla per fermare la sua fuga.

Cairoli parte forte, subito doppietta

Alla fine dei 25’ + 2 giri previsti, Cairoli ha tagliato il traguardo con un vantaggio di circa 20’’ sullo sloveno Tim Gajser (Honda), secondo alla bandiera a scacchi davanti allo spagnolo Jorge Prado (KTM), primo dei piloti del gruppo MX2. Primo start stagionale assolutamente positivo per il siciliano che, complice l’assenza di Jeffrey Herling per infortunio, ha aperto alla grande la serie consecutiva di tre gare degli Internazionali MX. Cairoli è chiamato a difendere il titolo di campione della classe MX1 e quello di Supercampione conquistati nel 2018.

MX1 e MX2

A precedere la sfida finale, le manche di MX1 e MX2. Nella gara riservata ai piloti della MXGP, a centrare l’holeshot è stato Gajser seguito da Tony Cairoli e da Romain Febvre (Yamaha) ma il ritmo battuto dallo sloveno non è stato sufficiente a fare il vuoto, tanto che a metà gara il gruppo si è ricompattato, consentendo a Cairoli di guadagnare il comando della corsa. La bandiera a scacchi premia Cairoli con +11’’256 di vantaggio sul francese mentre Gajser ha difeso la terza posizione dagli attacchi di Paul Gautier (Yamaha). Nella manche dedicata alle 250 a scattare al meglio è stato Mattia Guadagnini (Husqvarna) ma al settimo giro il campione in carica della MX2 Jorge Prado si portato al comando, mantenendo la testa della corsa fino al traguardo. Secondo il danese Mikkel Haarup (Husqvarna) riuscito ad avere la meglio su “Fire” Guadagnini, terzo alla bandiera a scacchi davanti a Ben Watson (Yamaha) e Michele Cervellin (Yamaha). Domenica prossima, 3 febbraio, il secondo round degli Internazionali d’Italia, a Ottobiano (PV), cui seguirà quello di Mantova il 10 febbraio dove verrà incoronato il Supercampione 2019.