Daniil Kvyat – Getty images
in foto: Daniil Kvyat – Getty images

Gli ultimi tasselli stanno andando al loro posto e ora che il puzzle sta per completarsi la stagione 2019 di Formula 1 rischia di essere molto diversa rispetto a quella che è ormai arrivata a giocarsi l'ultimo terzo di campionato: il passaggio di Carlos Sainz e Lando Norris in McLaren, che sostitueranno rispettivamente Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne, Daniel Ricciardo alla Renault e la conseguente promozione di Pierre Gasly nella sorella maggiore Red Bull, però, potrebbero non essere gli unici cambiamenti.

Proprio la Toro Rosso, infatti, deve ancora trovare il sostituto del giovane francese e in cima alla lista dei nomi c'è Daniil Kvyat, attualmente terzo pilota Ferrari. Per il russo, che era stato appiedato proprio dal team faentino dopo il GP degli Stati Uniti dello scorso anno, si tratterebbe di un clamoroso ritorno in Formula 1 dopo la brusca cacciata; già a Spa-Francorchamps, Ferrari e Red Bull si erano trovati i discutere del futuro di Kvyat e adesso le parole del manager austriaco Helmut Marko sembrano avvicinare sempre più il russo al ritorno: "Direi che è più maturo, ma con la Toro Rosso non abbiamo fretta. Risolveremo i nostri problemi. Abbiamo una lunga lista di nomi e vedremo", sono state le sue parole ad Autosport.

Kvyat in cima alla lista dei desideri Toro Rosso

Dopo un anno passato al simulatore, Kvyat potrebbe quindi tornare a correre in Formula 1. Un rapporto complicato quello tra il russo e la Red Bull: nel 2016, infatti, dopo essere stato promosso al fianco di Daniel Ricciardo, Kvyat fu retrocesso in Toro Rosso – lasciando spazio a Verstappen – mentre l'anno seguente fu addirittura cacciato dal manager austriaco senza troppi complimenti. Ora qualcosa sembra essere cambiato con la casa madre che, non avendo un giovane del proprio programma da lanciare, potrebbe tornare sui propri passi. In lizza per il volante in Toro Rosso era entrato anche Antonio Giovinazzi, altro pilota legato alla Ferrari, ma finché non si risolverà la situazione legata al rinnovo di Kimi Raikkonen – con il conseguente passaggio a Maranello di Leclerc – l'italiano sembra destinato a rimanere all'interno della scuderia italiana sfruttando, eventualmente, la possibilità di accasarsi all'Alfa Romeo Sauber.