Sono ore di forte preoccupazione quelle che stanno passando la famiglia di Niki Lauda e tutti i tifosi dell'ex pilota austriaco della Ferrari e della McLaren. L'attuale presidente onorario della Mercedes, ricoverato in terapia intensiva per l'attacco influenzale che lo aveva colpito nei giorni scorsi a Ibiza, ha infatti dovuto sottoporsi a un trapianto di polmone nello stesso ospedale di Vienna nel quale era entrato un paio di settimane fa.

L'intervento sul 69enne tre volte campione del mondo di Formula Uno, al quale era sta diagnosticata grave malattia polmonare, è stato eseguito con successo da Walter Klepetko, responsabile della Divisione di Chirurgia Toracica, e da Konrad Hötzenecker. Gli aggiornamenti dell'ospedale austriaco non hanno però rasserenato il clima intorno a Lauda che, secondo la televisione austriaca ORF, sarebbe in condizioni molto gravi.

L'attesa per il nuovo bollettino medico

L'assenza di Lauda ai paddock di Hockenheim e Budapest, aveva già messo in allarme il "circus" della Formula Uno: ora colpito da questa notizia e dalle indiscrezioni sulla salute di una delle leggende indimenticabili di questo sport. "Chiediamo la vostra comprensione per il fatto che la famiglia non farà alcuna dichiarazione pubblica e vi chiediamo di rispettare la privacy della famiglia Lauda", ha comunicato il General Hospital di Vienna.

Gia operato nel 1997 e nel 2005 per due trapianti di rene, donati rispettivamente da suo fratello Florian e dalla sua futura moglie Birgit, il presidente onorario della Mercedes avrebbe inizialmente sottovalutato l'influenza presa durante le vacanze a Ibiza, per poi decidersi di volare a Vienna con un aereo privato dopo l'aggravarsi dei sintomi. Nelle prossime ore l'ospedale rilascerà ulteriori aggiornamenti sullo stato di salute dell'ex pilota austriaco.