in foto: La Yamaha M1 numero nel reparto di Oncoematologia pediatrica / Foto Gabriele Strada – Neg © www.giornaledibrescia.it

Giornata ricca di emozioni per i pazienti ricoverati nel reparto di Oncoematologia Pediatrica degli Spedali Civili di Brescia, presidio d’eccellenza dedicato ai bambini affetti da tumori e leucemie. I piccoli hanno ricevuto la visita di Alessandro Botturi che anche quest’anno, per la settima volta in carriera, con la sua Yamaha parteciperà al rally Dakar che scatterà il 6 gennaio da Lima, in Perù. Non una semplice visita, visto che Botturi ha portato con sé la sua moto e, avendo coinvolto il team Yamaha MotoGP e il Fan Club di Valentino Rossi, anche la M1 numero 46 del Dottore che per l’occasione è stata accompagnata dal presidente del Fan Club, Flavio Pratesi.

La M1 di Rossi in corsia.

Nell’incontro, le moto sono state portate nei corridoi del reparto e a tutti i bambini è stata data la possibilità di salire in sella, di conoscere Botturi, scattare qualche foto, e ricevere il kit ufficiale del campione di Tavullia, incluso il cappellino autografato. Un’iniziativa che conferma il grande cuore del motociclismo, presente e testimone del grande lavoro che il centro bresciano opera da oltre vent’anni. “Pensavamo ad essere noi a portare un sorriso e invece sono stati loro, i bambini, con le loro famiglie, a regalarci sorrisi ed emozioni di forza e positività” racconta su Facebook chi era presente all’incontro. Il Fan Club del 46, che da più di cinque anni opera nel sociale attraverso iniziative rivolte ai piccoli pazienti, ha come sempre tinto di giallo il reparto, regalando emozioni e positività. Nel 2016 sono stati circa 30 gli ospedali visitati dal Fan Club che, tra le diverse iniziative, è impegnato anche nella costruzione di un ospedale-scuola in Africa.