Una prima sessione di prove libere vissuta da comparse mentre nella seconda, soprattutto grazie a Charles Leclerc, la Ferrari è riuscita ad avvicinarsi alle Mercedes portando a due decimi da Valtteri Bottas e Lewis Hamilton: una giornata, quella vissuta dalle Rosse a Silverstone in chiaroscuro nel quale le SF90 hanno evidenziato un buon passo sul giro secco ma ancora qualche problema di troppo con le gestione delle gomme.

Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images
in foto: Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images

Il tracciato inglese non è di certo tra i preferiti dalla Ferrari, ma in pochi avrebbero immaginato un distacco così ridotto dai padroni di casa, e dominatori assoluti nell'era ibrida, della Mercedes; nonostante le difficoltà, infatti, la Rossa è riuscita a portare a casa il terzo riferimento cronometrico che, soprattutto in ottica qualifica, lascia aperta qualche chance di puntare alla prima fila. Quello che attende la Ferrari, però, sembra essere un altro weekend di passione come sottolineato da Charles Leclerc che vede le Mercedes più in forma rispetto alle due Rosse.

Mi aspettavo che la Mercedes fosse la squadra da battere in questo fine settimana e hanno confermato che sarà cosi; sono stati molto, molto veloci nel ritmo di gara e, anche se il nostro passo in qualifica non è male, rimangono loro la squadra da battere – sono state le sue parole nella consueta conferenza stampa -. Abbiamo provato delle cose, alcune hanno funzionato e altre meno, dovremo scegliere quali utilizzare per la qualifica. E' stata una giornata difficile e non sono del tutto contento, ma possiamo ancora tirare fuori del potenziale dalla macchina.

Vettel: "Pomeriggio complicato, possiamo fare di più"

Una linea di pensiero, quella del monegasco, che sembra essere la stessa del suo compagno di squadra Sebastian Vettel: il tedesco, però, è apparso più in difficoltà chiudendo alle spalle del giovane pilota Ferrari sia nella prima che nella seconda sessione. Un problema di poco conto visto che quello che conta è la qualifica sulla quale la scuderia di Maranello ripone grandi speranze anche se il quattro volte campione del mondo ammette di vedere, così come il proprio compagno di squadra, la Mercedes come vera favorita dell'intero weekend.: "Non sono completamente soddisfatto, abbiamo vissuto un pomeriggio complicato con tanti alti e bassi. Abbiamo provato alcune cose, ma forse torneremo alle versioni precedenti; abbiamo ancora tempo per pensarci. Posso dire che non siamo ancora pronti per la gara, ma se guardiamo il quadro generale va bene; dovremo lavorare perché Mercedes è più veloce e noi possiamo fare di più. Il nuovo asfalto? Ovviamente ha avuto un impatto sulla nostra macchina, ma è molto più liscio, con più grip, quindi guidare è diventato più divertente." ha concluso il tedesco.