Piëch Mark Zero – Getty images
in foto: Piëch Mark Zero – Getty images

Anton Piëch è un nome che, ai non appassionati, non dirà molto, ma che ai veri cultori della quattro ruote è ben noto: il nipote di Ferdinand Porsche, infatti, ha fondato assieme al designer industriale Rea Stark Rajcic una nuova casa che, in occasione del Salone di Ginevra, ha svelato al mondo la sua prima automobile. Si chiama Piëch Mark Zero ed è un'elettrica sportiva che promette di rivoluzionare il mondo dell'auto.

L'elettrica a ricarica rapida con un cuore da sportiva

Per vederla sfrecciare sulle strade di tutto il mondo bisognerà aspettare il 2022, ma i pochi dati divulgati parlano già di un veicolo come mai si erano visti fino ad ora a partire dalla capacità di ricarica delle batterie. L'impianto elettrico, infatti, è stato studiato per evitare il surriscaldamento – tanto da potersi raffreddare ad aria – limitando così il peso e ricaricando il veicolo fino all'80% della sua capacità in appena 4 minuti e 40 secondi con un'autonomia che raggiungerà i 500 km. A spingerla c'è un motore da 150 kW che fa arrivare l'auto a una potenza di circa 600 Cv trasmessi a tutte e quattro le ruote e promette un‘accelerazione da 0 a 100 km / h in 3,2 secondi arrivando fino ai 250 km/h circa.

La Piech Mark Zero
in foto: La Piech Mark Zero

Numeri che, se confermati dalle prove in strada, potrebbero aprire un nuovo orizzonte per le auto elettriche. La Mark Zero, inoltre, pesa meno di 1800 chili; un veicolo che però non sarà accessibile a tutti visto la tiratura piuttosto limitata, compresa tra gli 8mila e i 10mila esemplari e un prezzo di circa 200mila franchi. Piëch Automotive, inoltre, ha promesso in breve tempo la produzione tre veicoli. Oltre alla Mark Zero, infatti, dovrebbero arrivare anche una quattro posti un SUV sportivo come vuole la moda del momento. Una ventata d'aria fresca nel mondo dell'auto che potrebbe diventare, nei prossimi anni, una delel case più importanti del settore.