Le spese legate a un'automobile sono molteplici e tra queste quelle che assumono un maggior peso sono spesso quelle relative alla manutenzione del veicolo e alle riparazioni necessarie: nel 2018, infatti, sono stati ben 32,1 i miliardi di euro spesi dagli automobilisti italiani per queste due voci con un incremento dei costi del 3,7% rispetto all'anno scorso quando la quota si era fermano a 30,9 miliardi di euro.

La stima è stata resa nota dall'Osservatorio Autopromotec e l'aumento dei costi si deve essenzialmente a 3 diversi fattori che hanno determinato la crescita della spesa sostenuta dagli automobilisti: l‘aumento dei prezzi dei servizi di assistenza alle auto – che ha inciso per l'1,2% -, calcolato sulla base di una media ponderata degli indici Istat dei prezzi per la manutenzione e la riparazione, per l’acquisto di pezzi di ricambio, accessori, pneumatici e lubrificanti, l‘incremento del parco circolante di autovetture, lievitato nel 2018 di un +1,3% rispetto al 2017 e infine l'incremento della quantità di interventi di officina per le operazioni di manutenzione e di riparazione, che è stato dell'1,2%.

Il dato peggiore degli ultimi anni

Numeri che hanno fatto lievitare la spesa oltre quota 30 miliardi di euro, soglia toccata solo due volte negli ultimi 10 anni: in precedenza, infatti, solo nel 2011 e nel 2017 si era superata la cifra dei 30 miliardi di euro mentre l'anno in cui gli italiani avevano speso meno per manutenzione e riparazione delle automobili è stato il 2013, quando la cifra totale era stata di 26,6 miliardi di euro. La variazione più grande, invece, si era verificata nel biennio 2011/2012 con la spesa complessiva calata da 30 a 26,9 miliardi di euro facendo segnare una discesa del -10,5%. L'ultimo anno, però, è stato il peggiore per le tasche dei guidatori italiani costretti a fare i conti con una spesa sempre maggiore quando si parla di automobili.