Un GP di Spagna difficile per Tony Cairoli che chiude in quarta posizione, grazie al secondo posto in gara 2 che rimedia la sesta posizione finale ottenuta nella prima manches. Il forte pilota italiano deve piegarsi a Clement Desalle, che trova il ritmo giusto sull'insidiosa pista spagnola e centra la prima doppietta in questa stagione. Il belga in sella alla Suzuki trova il modo di far scorrere la sua moto su di una pista resa particolarmente difficile da un fondo estremamente scivoloso, che di fatto ha reso difficile i sorpassi in pista. Per lui due gare solitarie in testa, dal primo all'ultimo giro, lasciando ben poco spazio agli avversari.

Tony in difficoltà – Gara 1 è stata difficile per Cairoli, partito non benissimo e settimo alla prima curva. Incapace di recuperare sul difficile terreno spagnolo, il pilota KTM ha preferito contenere i danni e giocare in difesa sugli avversari. In testa alla corsa Desalle dominava, seguito a distanza dal solito Van Horebeek e da Frossard. Cairoli provava la rimonta e risaliva in quinta posizione per poi cedere alla stanchezza e lasciare sfilare Bobryshev. Un sesto posto che lascia un po' di amaro in bocca e soprattutto la voglia di trovare il riscatto nella seconda manche. Gara 2 parte con il piede giusto per Cairoli che ottiene un ottimo secondo posto dopo un bel duello prima con Frossard e poi con Strijbos. Il ritmo del siciliano diventa martellante nel finale, tanto che il distacco dal fuggitivo Desalle si riduce solo un secondo e  732 millesimi sotto la bandiera a scacchi. L'ottimo secondo posto ottenuto in Gara 2 viene però vanificato dalla difficile prestazione di Gara 1 e Cairoli deve accontentarsi del quarto posto assoluto nel GP di Spagna, dietro a Desalle, Van Horebeek e Strijbos.

Cairoli ancora leader del mondiale – La classifica del campionato vede in testa ancora Tony Cairoli, che comanda con 304 punti, seguito da Desalle a 280 e Van Horebeek a 276. Chiudono la Top-Five Strijbos (220) e Paulin (205)