Marc Marquez e Andrea Dovizioso / MotoGP.com
in foto: Marc Marquez e Andrea Dovizioso / MotoGP.com

Quello del Mugello, GP d’Italia, sarà un fine settimana speciale per Andrea Dovizioso. Per il forlivese e per tutta la Ducati si tratterà della gara di casa ma, a rendere ancora più significativo il round tricolore del campionato MotoGP, sarà un traguardo storico per DesmoDovi: il forlivese, attualmente 2° in campionato a 8 punti dal leader Marc Marquez, sarà infatti al via della sua gara numero 300 in carriera sulla stessa pista dove, nel 2001, ha esordito nel Motomondiale come wild card. Una prima gara complicata, quella dell’allora 15enne di Forlimpopoli, alla quale sono seguite altre 18 stagioni a tempo pieno e ricche di momenti indimenticabili. 299 Gran Prix tra i quali “non è facile scegliere” ha ammesso Dovizioso che, in un’intervista concessa a MotoGP.com, ha svelato quelle che ritiene siano le tre migliori gare della sua carriera.

La prima, secondo il pilota Ducati, è la vittoria al Mugello, arrivata due anni fa. Dopo essere finito sul podio in quattro occasioni, Dovizioso ha provato per la prima volta l’emozione di vincere la gara di casa solo nel 2017, dopo aver battuto Maverick Vinales. “Non è facile scegliere solo tre gare, ma per prima metto la vittoria qui al Mugello. È stata una vittoria davvero importante, e lo è stata anche per il modo in cui è arrivata, quindi è decisamente una delle tre”.

Dovizioso è poi tornato indietro di dodici anni, al GP di Turchia del 2007. In quella stagione il forlivese correva in 250 con la Honda del team Scot e, sulla carena, sfoggiava ancora il suo numero portafortuna (il 34 appartenuto a Kevin Schwantz). In quella gara, la terza di quella stagione, Dovizioso lottò contro Jorge Lorenzo e Alvaro Bautista fino all’ultimo giro. “Ricordo che è stata una gran bella battaglia, fino all’ultima curva, per cui scelgo la vittoria di Istanbul contro Lorenzo e Bautista” continua il campione italiano che, ripensando alle gare più recenti, per il terzo gradino del podio ha optato per uno degli incredibili duelli contro Marc Marquez. “Ci sarebbero altre gare, ma scelgo quella in Austria contro Marc, nel 2017. È stata bella”.