La Federazione Internazionale del Motociclismo ha pubblicato la versione finale del calendario del campionato del mondo MotoGP 2019, confermando tutti i 19 GP già annunciati lo scorso 4 settembre.

Confermate dunque tutte le 19 tappe in programma, con il campionato che come di consueto partirà dal Qatar, con la gara in notturna, il 10 marzo, per poi sbarcare in Argentina, tre settimane più tardi, il 31 marzo per la prima delle due tappe oltreoceano con quella di Austin, Gp delle Americhe, il 14 aprile. Toccherà poi a Jerez ospitare come sempre la prima tappa europea del campionato, il Gp di Spagna, il 5 maggio, che sarà seguito dal Gp di Francia al di Le Mans il 19 maggio e il GP d’Italia al Mugello il 2 giugno. Sarà poi la volta della Gp  Gp di Catalunya, il 16 giugno, sul circuito di Barcellona, che sarà seguito dalle gare di Assen, Gp d’Olanda, il 30 giugno e dal Gp di Germania, al Sachsenring il 7 luglio, giro di boa del campionato.

Dopo la breve pausa estiva,  il campionato ripartirà con due gare in due fine settimana, con il Gp di Repubblica Ceca, il 4 agosto, e Il GP di Germania, seguito dal Gp d’Austria al Red Bull Ring di Spielberg, l’11 agosto. IL Gp di Gran Bretagna si disputerà sempre a Silverstone, il 25 agosto, seguito dal Gp di San Marino a Misano, il 15 settembre, e dal Gp di Aragon il 22 settembre. Il 6 ottobre si tornerà in Thailandia, sul circuito di Buriram, prima della trasferta asiatica che toccherà in rapida successione il Giappone (20 ottobre), l’Australia (27 ottobre) e la Malesia (3 novembre). Ultimo round a Valencia, il 17 novembre.