Andrea Dovizioso sul gradino più alto del podio del Gp di Gran Bretagna / GettyImages
in foto: Andrea Dovizioso sul gradino più alto del podio del Gp di Gran Bretagna / GettyImages

Andrea Dovizioso detiene un record che né Valentino Rossi, Marc Marquez, Jorge Lorenzo o Dani Pedrosa possono vantare. Il pilota italiano non ha mai saltato un Gran Premio dal suo debutto nel Motomondiale. Dovizioso ha esordito nel campionato del mondo il 3 giugno 2001, al Mugello, in classe 125, come ospite al Gp di casa, ma la sua presenza nel mondiale era già legata per l’intero anno successivo alla Honda del team Scot Racing.

Dovizioso infallibile: record di gare consecutive

Dal 2002, il suo primo anno completo nel mondiale, la carriera di Dovizioso è stata immacolata. Tre stagioni complete in 125 – 2002, 2003 e 2004 – e il titolo mondiale nel 2004. Poi altre tre stagioni in 250 – 2005, 2006 e 2007 – di cui due chiuse da vicecampione del mondo, quindi il salto in MotoGP nel 2008 fino ad oggi, completando 275 gare senza nessuna assenza. In pochi, ricorda Marca, possono vantare di essere attivi nel mondiale per 16 anni consecutivi, visto anche l’alto rischio infortuni. Del resto Dovizioso è un pilota che ha sempre controllato il limite della sua guida. E la sua media di cadute stagionali né è la conferma. Nell’anno di debutto in classe regina, nel 2008, ha saggiato l’asfalto quattro volte, e altre quattro nel 2009. Nel 2010 cinque volte, nel 2001 quattro, nel 2012 cinque, e nel 2013 solo tre; nel 2014 quattro volte e nel 2015, 2016 e 2017 sei volte, che è il suo massimo, in concomitanza con la sua migliore stagione in MotoGP. Rispetto ai rivali e colleghi, DesmoDovi non ha mai avuto infortuni seri e, pur essendo un appassionato di motocross che di solito lo pratica anche durante la stagione MotoGP, né in questa disciplina né altrove il forlivese è incappato in alcun incidente che lo costringesse a saltare un GP, come è invece successo ad altri piloti. Tra questi anche Rossi che prima di Dovizioso deteneva il record di Gp consecutivi.

Meglio di Rossi, Marquez e Lorenzo

Come Dovizioso anche Valentino Rossi tra i piloti che ha saltato meno Gp in carriera ma la scia consecutiva del pesarese si è interrotta a quota 230 gare consecutive nel 2010 con l’incidente nelle prove libere del Mugello che lo costrinse a saltare il Gp di casa e le successive tre gare. Stessa situazione per i veterani Jorge Lorenzo che nel 2008 fu costretto a saltare il Gp di Catalunya dopo una caduta nelle libere e Dani Pedrosa che sempre nel 2008 saltò il Gp Usa di Laguna Seca, dopo aver saltato anche le due ultime gare del 2003 per l’infortunio a entrambe le caviglie nel Gp d’Australia. Anche il campione del mondo in carica Marc Marquez ha interrotto la scia consecutiva dopo i problemi alla vista del 2011, prima battuta di arresto dal debutto nel mondiale ma dall’arrivo in MotoGp, nel 2013, è sempre stato in griglia nonostante spalle slogate, distorsioni o piccole fratture.