Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo al parco chiuso con il team Ducati / GettyImages
in foto: Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo al parco chiuso con il team Ducati / GettyImages

Con la vittoria a Misano, Andrea Dovizioso è riuscito a rimettersi in scia a Marc Marquez salendo al 2° posto nel mondiale ma a ben 67 punti di ritardo: un distacco, quello dallo spagnolo, difficilmente colmabile anche per il forlivese che sta attraversando un ottimo momento di forma così come la Ducati.

L'italiano lotterà per la vittoria

Ad Aragón l'italiano vuole rovinare la festa la Marquez, togliendogli una vittoria che sembra già scritta e che potrebbe chiudere – anche se non matematicamente – i giochi per il titolo; l'obiettivo di Dovizioso è quello di chiudere in testa per allungare ancora di più l'attesa di un titolo, per Marquez, che sembra ormai prossimo. Il pilota della Ducati, però, dovrà vedersela con lui e con il compagno di squadra, i due più in forma del mondiale in questo momento.

Aragón è una pista molto bella e particolare, completamente diversa da Misano dove due settimane fa ho vinto per la prima volta in MotoGP, ma è anche una pista dove storicamente abbiamo sempre fatto fatica – sono state le sue parole al sito ufficiale – Nel test di fine agosto però abbiamo girato davvero molto forte e penso che questa volta potremo lottare per la vittoria. Mi aspetto di essere veloce, ma anche Jorge e Marc sono particolarmente forti su questa pista per cui non sarà facile

Lorenzo: "Ad Aragón per sfruttare i nostri punti di forza"

"Dopo la gara di Misano sono riuscito a girare pagina con relativa facilità: ho capito dove abbiamo sbagliato ed ho tratto alcune conclusioni interessanti. Ora andiamo un circuito dove credo potremo sfruttare i punti di forza della nostra moto e dove l'anno scorso sono riuscito a salire sul podio. Il test che abbiamo fatto venti giorni fa è stato molto positivo e ora torniamo qui ben preparati e con le idee molto chiare. Dopo una caduta si scende in pista nella gara successiva con ancora più voglia di far bene e per dimostrare che continueremo a lottare fino alla fine", ha dichiarato.