Due podi in quattro gare, Austin e Jerez, e il quarto posto nel mondiale. Chi l’avrebbe mai detto lo scorso anno, quando l’avventura con la Suzuki faticava a decollare. Andrea Iannone si gode il suo momento positivo perché, per la prima volta in top class, è riuscito a conquistare due podi di fila, conquistando il terzo posto del Gp di Spagna e regalando la terza top 3 consecutiva a una Suzuki cresciuta e che ha confermato di essere una moto da podio.

Andrea Iannone festeggia sul podio di Jerez / Suzuki Ecstar
in foto: Andrea Iannone festeggia sul podio di Jerez / Suzuki Ecstar

Secondo podio di fila e bacio a Belen

A Jerez, a festeggiare con lui c’è anche Belen Rodriguez, volata in Spagna per assistere alla gara del suo Iannone. Baci appassionati tra i due al parco chiuso, davanti ai flash dei fotografi, dopo una gara durissima per il grande caldo e che il pilota abruzzese ha gestito al meglio, bravo nel finale a tenere testa agli assalti di Danilo  Petrucci che negli utlimi giri ha provato a insidiare il podio. “È stata una bella la battaglia con Danilo ed è stata bella tutta la gara, anche se alla fine mi dispiace non aver usato la gomma media posteriore, perché penso che saremmo potuti rimanere con il gruppo di testa con quella” si rammarica Iannone che sulla griglia di partenza ha deciso di montare gomma dura, una mossa che gli è costata la gara con i primi.

A post shared by @ motogp_fansite on

Ci ha pensato poi Belen a raccontare la felicità di poter gioire insieme di un terzo posto che rilancia Iannone in classifica piloti, dove sale in quarta posizione a 23 punti al leader Marc Marquez, davanti anche ad Andrea Dovizioso e Valentino Rossi. Nelle storie su Instagram, non solo i complimenti social ma anche momenti di relax e passione dopo la giornata in pista. Per Iannone adesso sarà importante continuare in questa direzione e guardare al podio e alla vittoria. La prossima tappa sarà Le Mans, sulla carta una pista ostica per la Suzuki come avrebbe dovuto essere anche Jerez: “Siamo positivi del nostro miglioramento anche se alcune cose ci fanno ancora soffrire” ha detto il pilota di Vasto . “Servirà a capire il nostro potenziale, dal momento che lo scorso anno è stata la pista più difficile per noi. Ma anche qui avevamo sofferto, invece siamo saliti sul podio, quindi vedremo”.