L’avventura di Jorge Lorenzo con la Honda fatica a decollare. Al Mugello il maiorchino non si è mai sentito a proprio agio, non riuscendo a trovare né un buon ritmo né a fare il giro veloce. E proprio sul circuito italiano è arrivato anche il suo primo bilancio sul suo adattamento alla RC213V: “Non basteranno chilometri per cambiare la situazione – ha detto Lorenzo – . La Honda è una moto completamente fatta e decisa, ed è difficile pensare di cambiarla quando c’è un pilota che vince cinque dei sei titoli in ballo. Ma stiamo pensando a un piano per il futuro, bisogna lavorare per trovare soluzioni e pezzi che mi comportino un minore stress fisico e fare in modo che la moto sia comoda per tutti i piloti”. Un commento che Marc Marquez non ha affatto gradito: “Honda ha le idee chiare e segue sempre l’evoluzione del pilota più veloce – la replica del connazionale –   . È vero che è una moto difficile e complicata ma se tre Honda sono nella top ten forse la moto non è poi così male”.

Lorenzo in Giappone per rescindere il contratto?

Prime scintille tra i due compagni di squadra alle quali si sta aggiungendo una strana voce all’interno del paddock. A riportarla è il 15 volte campione del mondo Giacomo Agostini, presente al Mugello, e che ha rivelato di essere a conoscenza di una clamorosa indiscrezione. Agostini ha infatti saputo che Lorenzo avrebbe in programma di partire alla volta del Giappone, ma la sua visita non sarebbe finalizzata a un incontro con gli ingegneri. “Tra Lorenzo e la Honda potrebbe finire primaha detto Agostini ai microfoni di TV8 – . È vero che ha un contratto di due anni ma i contratti si possono fare e disfare. La voce che gira nel paddock è che domani volerà a Tokyo per andare a rescindere il contratto”.