Casey Stoner in sella alla Ducati GP18 nei test di Sepang / Twitter
in foto: Casey Stoner in sella alla Ducati GP18 nei test di Sepang / Twitter

La MotoGp riparte con i test riservati ai collaudatori e ai tester dei team ufficiali scattati oggi sul circuito di Sepang. Primi chilometri per le nuove moto che da domenica 28 gennaio saranno nelle mani dei piloti titolari per i primi test pre-campionato. Prima giornata di test condizionata dall’asfalto bagnato a causa della pioggia caduta ieri e che ha permesso l’inizio delle attività in pista solo in tarda mattinata. Nel pomeriggio, un nuovo temporale ha costretto quasi tutti al box.

La pioggia non ferma Stoner

Tester d’eccezione per la Ducati – che per prima ha presentato la moto con cui affronterà il campionato del mondo 2018Casey Stoner che ha iniziato il proprio lavoro in sella alla Desmosedici GP18. In rete un video condiviso dalla Ducati su Instagram, con Stoner pronto a scendere in pista, e poche altre informazioni trapelate di questo primo assaggio per cui non è previsto alcun rilievo cronometrico ufficiale. In ogni caso pare che, in poche tornate, l’asso australiano abbia girato sull'2'01, quindi a un paio di secondi dalla best pole del circuito malese.

A post shared by Ducati Motor Holding (@ducatimotor) on

Con la Ducati in pista anche il collaudatore Michele Pirro che a fine giornata ha approfittato delle condizioni per qualche giro sul bagnato, oltre alle Honda oggi affidate al collaudatore giapponese Hiroshi Aoyamaha e al tedesco Stefan Bradl, rientrato nel giro della MotoGp come tester della RC213V dopo la deludente stagione in Superbike. Qualche passaggio anche per l’Aprilia con il marchigiano Matteo Baiocco, ex campione italiano Superbike che ha sostituito il precedente collaudatore Mike di Meglio. Mancano all’appello la KTM con il finlandese Mika Kallio e la Suzuki con Sylvain Guintoli, che dovrebbero girare domani. Nel frattempo, a Madrid, la Yamaha ha presentato le moto di Valentino Rossi e Maverick Vinales, rinnovando la fiducia nei confronti dello spagnolo fino al 2020.

A post shared by Ducati Motor Holding (@ducatimotor) on