in foto: Marc Marquez. 24 anni / Getty Images

Contratto in scadenza anche per Marc Marquez che, come Valentino Rossi anche per altri big della MotoGP, dovrà presto decidere se proseguire con la Honda o tentare la sfida di laurearsi campione in sella a una moto di un diverso costruttore. Il contratto che lega Marquez alla Honda scadrà alla fine del 2018 e, nonostante i quattro titoli di campione del mondo vinti in cinque anni di MotoGP, tutti con la Honda, nelle ultime settimane si è parlato un passaggio dello spagnolo alla KTM, visto anche lo sponsor Red Bull in comune.

Marquez-KTM non decolla.

Al fianco di Pol Espargaro che “si merita” di continuare con il team austriaco, per quanto riguarda il compagno di squadra, i vertici KTM sembrano avere le molto chiare. E Marquez non è uno dei candidati. “Marc è senza dubbio un grandissimo campione ma, se non dovesse risultare competitivo con la KTM, la colpa sarebbe soltanto della nostra moto” ha spiegato Stefan Pierer, amministratore delegato di KTM in un’intervista a Speedweeek. “Marquez non potrà mai dimenticare che Honda è il suo primo costruttore” motivo per cui “la Honda sarà sempre la prima scelta di Marc” sono state le parole del manager di Marquez, Emilio Alzamora, come riportate da El Periodico.

Nel mirino c'è Zarco.

Con lo spagnolo in aria rinnovo, KTM non è stata a guardare ma ha già intrapreso i colloqui con Johann Zarco e il suo manager Larent Fellon. “Sì, è vero. È così. Zarco è l’unico pilota a cui possiamo seriamente pensare per il 2019” ha confermato Pierer. Quello del francese del team Tech3, è il primo nome sulla lista della KTM. “Ad essere onesti, guardando la griglia MotoGP, non penso a nessun altro oltre che a Zarco. Ha vinto il campionato del mondo Moto2 per due anni con il team Ajo e vinto la Red Bull Rookies Cup KTM. Sa cosa si fa in KTM. È l’unico pilota cui possiamo pensare seriamente”. Starà al transalpino comprendere se per lui ci sarà la possibilità di arrivare nel team Yamaha ufficiale o decidere di abbracciare la sfida KTM. Per Marquez, invece, resterebbe l’avventura in Ducati, quest’ultima data ormai per improbabile, vista anche la cifra che Borgo Panigale già sborsa per Jorge Lorenzo.