Mentre il paddock continua interrogarsi sul misterioso problema tecnico che tre settimane fa ha causato la sua caduta ad Austin, Marc Marquez riparte fortissimo sul circuito di Jerez, mettendo tutti dietro nelle libere 1 e alzando l’asticella quando il compagno di squadra Jorge Lorenzo ha provato a strappargli la testa della classifica provvisoria. “Adesso dovrebbe essere tutto a posto –  diceva ieri ai giornalisti presenti in conferenza stampa – . Abbiamo capito il perché della caduta ma non posso spiegare il motivo”.

Marquez-Lorenzo, a Jerez è subito dream team

Un mistero che resta poco più di un segreto da custodire gelosamente, visto il suo ritmo e quello impresso dal compagno di squadra che, arrivato su una pista dove è sempre andato fortissimo, è repentinamente uscito dalle difficoltà di adattamento con la RC213V. Premesse che a fine turno hanno visto il dream team Honda occupare le prime due posizioni in classifica, con Lorenzo a 124 millesimi di ritardo da Marquez e davanti a Maverick Vinales che con la Yamaha è riuscito a trovare il terzo crono a 191 millesimi dalla vetta. Quarta la Honda satellite di Nakagami seguita dalla Ducati di Andrea Dovizioso e dalla Yamaha satellite del rookie Fabio Quartararo, sesto a meno di tre decimi dal riferimento. Più staccati gli inseguitori, con Jack Miller settimo davanti a Petrucci e Morbidelli. Nella top ten anche Alex Rins con la Suzuki, riuscito a lasciarsi alle spalle Crutchlow e Zarco.

Rossi prova il cucchiaio Yamaha

Partenza in salita per Valentino Rossi, solo 18° a fine turno a quasi 1 secondo e mezzo di ritardo dopo aver portato al debutto anche l’appendice al forcellone simile a quella adottata dalla Ducati. Come il pesarese anche l’Aprilia ha fatto debuttare la soluzione sulle RS-GP di Alex Espargaro, 14°, e Andrea Iannone, 16°. Solo 21° Pecco Bagnaia che non ha trovato il giusto ritmo in questa prima uscita sul circuito andaluso.

Classifica dei tempi MotoGP

Prove libere 1 – Gp di Spagna, Jerez 3/5/2019
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 288.9 1'37.921
2 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 288.6 1'38.045 0.124 / 0.124
3 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 284.7 1'38.112 0.191 / 0.067
4 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 284.9 1'38.134 0.213 / 0.022
5 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Mission Winnow Ducati Ducati 287.7 1'38.150 0.229 / 0.016
6 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 285.0 1'38.209 0.288 / 0.059
7 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 289.1 1'38.464 0.543 / 0.255
8 9 Danilo PETRUCCI ITA Mission Winnow Ducati Ducati 288.6 1'38.474 0.553 / 0.010
9 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 285.4 1'38.478 0.557 / 0.004
10 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 284.9 1'38.534 0.613 / 0.056
11 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 290.2 1'38.800 0.879 / 0.266
12 5 Johann ZARCO FRA Red Bull KTM Factory Racing KTM 285.2 1'38.897 0.976 / 0.097
13 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 289.2 1'38.905 0.984 / 0.008
14 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 289.6 1'38.942 1.021 / 0.037
15 6 Stefan BRADL GER Team HRC Honda 290.0 1'38.975 1.054 / 0.033
16 29 Andrea IANNONE ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 286.7 1'39.064 1.143 / 0.089
17 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 288.1 1'39.141 1.220 / 0.077
18 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 283.6 1'39.380 1.459 / 0.239
19 38 Bradley SMITH GBR Aprilia Factory Racing Aprilia 287.6 1'39.410 1.489 / 0.030
20 53 Tito RABAT SPA Reale Avintia Racing Ducati 286.0 1'39.667 1.746 / 0.257
21 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 285.4 1'39.675 1.754 / 0.008
22 17 Karel ABRAHAM CZE Reale Avintia Racing Ducati 286.1 1'39.949 2.028 / 0.274
23 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Tech 3 KTM 285.4 1'40.313 2.392 / 0.364
24 55 Hafizh SYAHRIN MAL Red Bull KTM Tech 3 KTM 283.3 1'41.093 3.172 / 0.780