rossi-morbidelli
in foto: Valentino Rossi e Franco Morbidelli – foto Instagram @vr46ridersacademyofficial

Franco Morbidelli è pronto a giocarsela con i piloti ufficiali. Chiusa la stagione MotoGP 2018 con il titolo di Rookie of the Year e il 15° posto finale, il pupillo di Valentino Rossi promette di essere un osso duro sulla M1 del team Yamaha-Petronas.

I primi test in ottica 2019 hanno lasciato sensazioni positive, sottolineate dal 6° tempo finale negli ultimi collaudi a Jerez. “Siamo andati bene, la moto mi piace molto. Ovviamente ci sono delle cose da migliorare ma siamo partiti con il piede giusto” ha detto il Morbido in occasione di un evento organizzato a Milano dal gruppo Europe Energy di cui è testimonial. “Ho parlato con Valentino dopo i test, abbiamo un po’ discusso dei punti forti e dei punti deboli della M1. È una moto molto bella da guidare e molto veloce” ha aggiunto il primo allievo della V46 Academy che, intercettato da Gazzetta dello Sport, ha fatto un bilancio della stagione conclusa e fatto le carte a quella del 2019.

I miei diretti rivali? Gli altri piloti privati e poi, chissà, anche qualche ufficiale”. Nel 2018 tra mille avversità, l’infortunio alla mano sinistra e i problemi del team Marc VDS “ho imparato molto. Sono motivato e lotterò. La MotoGP ha raggiunto un livello incredibile e per entrare nella top 12 devi lottare tanto, una cosa positiva per lo spettacolo, arricchito dai tanti italiani in pista. Bagnaia? Ci alleniamo e trascorriamo molto tempo insieme, fa parte dell Academy anche lui. Quindi oltre che al Ranch, adesso sarà una sfida anche in MotoGP”.

Se ho mai visto scoraggiato Valentino? No, non direi affatto, anche in una stagione come il 2018 in cui le difficoltà sono state parecchie, lui riesce sempre a essere positivo e in quelle situazioni coglie il massimo e anche di più, questa è parte della sua forza” ha aggiunto il campione Moto2 2017 che, quando gli è stato chiesto di fare un pronostico sui favoriti titolo 2019, non ha dubbi: “Marquez, un vero marziano, che da molti anni a questa parte è il più forte con un moto super come la Honda ufficiale, dovremo rimboccarci le maniche e migliorare tanto per raggiungerlo”.