Danilo Petrucci
in foto: Danilo Petrucci

Marc Marquez gioca d’astuzia in Qatar: dopo il gancio di Maverick Vinales che ieri gli aveva permesso di chiudere le libere con un gran tempo, in qualifica il campione della Honda ha individuato in Danilo Petrucci il traino da seguire per cercare un buona posizione in griglia di partenza. Un comportamento finito per infastidire il pilota ternano che, in tutti e due i tentativi con la gomma morbida, si è ritrovato Marquez dietro agli scarichi, evitando il più possibile di dargli la scia.

Petrucci furioso con Marquez

Un tira e molla che gli ha fatto perdere tempo prezioso e che non è sfuggito agli occhi della squadra. “Se abbiamo fatto un reclamo? Siamo contenti che il campione del mondo si sia preoccupato di noi e che ci siano stati segni evidenti di questo” la risposta diplomatica del team manager Davide Tardozzi che,  alla bandiera a scacchi, ha rapidamente raggiunto la Direzione Gara. “Noi siamo andati bene nelle Fp4 –ha aggiunto il manager italiano – per cui siamo contenti della situazione”.

Se sono arrabbiato? Più che altro mi dispiace aver perso la seconda fila, che era l’obiettivo minimo. Alla fine sono 7° – ha ammesso Petrucci una volta tornato al box – . Purtroppo ho potuto fare solo due giri veri perché Marquez mi ‘curava’ molto, per cui va bene così. Tanto domani in gara ci sarò lo stesso, chiaramente mi sarebbe piaciuto partire un po’ più avanti”.

Marc: "In MotoGP cose vanno così"

Quando è poi toccato a Marquez rispondere sulla questione, lo spagnolo ha tagliato corto. “Siamo in MotoGP e le cose vanno così. Alcune volte si cerca la strategia, altre volte va diversamente” le parole dello spagnolo al parco chiuso. “Ci sono state delle volte che Petrucci ha fatto il giro nella mia scia, oggi l’ho fatto io. Quando si cerca il massimo ognuno fa la sua strategia. Oggi mi è andata bene, partiamo dalla prima fila e questo è importante su questo circuito”.

A precedere Marquez, in griglia ci saranno il poleman Maverick Vinales con la sua Yamaha e l’altra Ducati ufficiale, quella di Andrea Dovizioso, riuscito a conquistare il secondo tempo di solo 1 millesimo sullo spagnolo: “Siamo arrivati qui con tanti dubbi dopo un test strano e invece il metodo di lavoro del weekend è stata la medicina migliore – ha detto DesmoDovi – . Sapevamo cosa fare e siamo riusciti a rimediare a una situazione non tanto buona. Bisognerà vedere in gara, perché il giro veloce è una cosa ma, qui in Qatar, con il vento e le condizioni, è diverso. Sono contentissimo di partire dalla prima fila, non me lo sarei mai aspettato prima di questo weekend. Grazie al team”.