Seconda giornata di test in Qatar complicata per Valentino Rossi. Solo 19° alla fine del day-2, il pesarese è stato il solo pilota che non è riuscito a migliorare il proprio personale dopo una prima giornata di prove che sembrava confermare le buone sensazioni avute sulla nuova M1. Diversamente dal compagno di squadra Maverick Vinales, 2° oggi nei test, che l’ha definita “la migliore Yamaha che abbia mai guidato” il pesarese ha faticato in questa seconda giornata. “Se Maverick dice che è la migliore M1, spero con tutto il cuore che abbia ragione e che sia io a sbagliarmi, perché credo che per adesso non siamo abbastanza forti per lottare per la vittoria”.

Rossi indietro: “Logico essere preoccupati”

È stata una giornata difficile, sono sempre stato troppo lento, quindi non siamo contenti. Ieri avevamo una base che non era così male, oggi abbiamo provato a migliorare, abbiamo provato cose importanti ma anche diversi materiali. Però purtroppo non abbiamo migliorato”.

Domani proveremo a seguire altre direzioni per essere più competitivi – ha aggiunto Valentino –  Ci sono state cose che hanno funzionato a Sepang e non qui. Siamo lontani e quando succede è logico essere preoccupati”.

Sensazioni ben diverse quelle di Vinales. “Penso che quel lavoro sia stato fatto e sono contento di questo – ha spiegato il ‘Top Gun’ catalano – . Abbiamo lavorato sul passo gara e fatto buoni miglioramenti. Era importante sentire un po’ più la moto e trovare un nuovo set-up per andare veloce. Per domani abbiamo ancora molte cose che ci possono far migliorare ulteriormente, spero di andare più veloce e di trovare un po’ più di grip”.