Giornata straziante a Le Mans per la morte di un commissario di pista, Jean-Paul Plée, 58 anni, colpito da un infarto. La notizia è stata confermata sia dal canale ufficiale della MotoGP attraverso i profili social sia da una nota diffusa dall’organizzazione del GP di Francia, l’Automobile Club de l'Ouest (Aco).

Commissario di pista muore dopo un infarto

Plée, 58 anni, era molto conosciuto nel paddock di Le Mans dove prestava sevizio come commissario alle gare automobilistiche dal 2002 e motociclistiche dal 2003. “Siamo profondamente scioccati e rattristati dalla devastante notizia della morte di Jean-Paul, un grande esempio della squadra di volontari impegnata in circuito – ha dichiarato il presidente dell’Aco, Pierre Fillon – . In questo momento i nostri pensieri vanno alla famiglia di Jean-Paul e ai suoi cari”.

Anche Dorna ha espresso il sentimento generale del paddock attraverso un tweet: “Tutti in MotoGP sono tristi di annunciare che un marshall del GP di Francia è morto dopo essere stato colpito da un infarto questa mattina. I marshall sono una parte chiave di questa grande famiglia e non potremmo gareggiare ogni weekend senza di loro. I nostri pensieri sono per la sua famiglia e i suoi amici”. In questa prima parte di campionato i marshall erano stati protagonisti per diversi motivi – in Argentina per il selfie scattato dal commissario a cui Valentino Rossi aveva affidato la sua Yamaha nel giro d'onore mentre in Spagna, due settimane fa, un altro marshall era stato pizzicato a rubare il polsino che protegge il serbatoio del liquido dei freni dalla Suzuki di Alex Rins. Questa volta, invece, la cronaca è certamente meno leggera e terribilmente seria.