Siccome non pioveva tanto, ho deciso di rischiare e di mettere le slick”. Così Valentino Rossi al termine delle qualifiche del GP di Francia chiuse con il quinto tempo nonostante sia stato costretto ad affrontare il taglio delle Q1. Proprio in Q1, l’azzardo che alla fine ha pagato, quando ha deciso di uscire con le gomme da asciutto per tentare l’assalto al tempo nonostante la pista bagnata. “Nelle FP4 ho provato con le gomme rain ma non era possibile andare oltre un certo livello. Siccome non era piovuto tanto e una delle due moto era pronta, me la sono sentita di rischiare con le slick”.

“Le slick? Un rischio che ha pagato”

Sono stato fortunato – prosegue il Dottore – e nelle Q1 ho avuto quella finestra di sei, sette minuti nei quali piovigginava ma non troppo, e sono riuscito a fare dei giri buoni. È stato un rischio che ha pagato”. Parlando poi del passo costruito sul bagnato ha aggiunto: “Stamattina nelle FP3 sono andato abbastanza forte anche se alla fine ero un po’ indietro perché non abbiamo montato gomme nuove. Però ho avuto un buon passo. Sull’asciutto, invece, abbiamo fatto delle modifiche da ieri, ma oggi non è stato possibile provarle, per cui non saprei”.

Valentino Rossi / Getty Images
in foto: Valentino Rossi / Getty Images

Vedremo” conclude Rossi che in griglia si ritroverà a scattare dalla seconda fila, con Andrea Dovizioso e Franco Morbidelli accanto, subito dietro alla Honda del poleman Marc Marquez e alle Ducati di Danilo Petrucci e Jack Miller. Come il pesarese, anche il compagno di squadra Maverick Vinales ha tentato l’azzardo delle slick ma, nel caso del ‘Top Gun’ catalano che ha scelto le gomme da asciutto all’inizio della Q2, l’azzardo non ha funzionato. “Il primo tentativo ci ha fatto perdere quei giri buoni ma come team dobbiamo fare una strategia migliore ed essere più bravi e più intelligenti sotto certi aspetti – ammette Vinales, solo 11° in griglia dopo aver viaggiato nelle parti alte della classifica per tutto il weekend – . Adesso è molto difficile pensare alla vittoria. Come passo ci siamo ma partiamo troppo indietro. Proveremo a salire sul podio, ci aspetta un grande lavoro”.