Il 2019 si sta rivelando più duro del previsto per Johann Zarco. Il pilota francese, passato dalla Yamaha alla KTM, non è ancora riuscito a trovare la confidenza necessaria per portare al limite la moto austriaca, lontanissimo dalle posizioni che, fino a un anno fa, frequentava abitualmente. Dopo le prime quattro gare, Zarco aveva 58 punti, 2° in Argentina e a Jerez, 8° in Qatar e 6° ad Austin, e arrivava 2° in campionato al GP di casa, a Le Mans, dove ha combattuto dalla pole. Ora, invece, ha appena 7 punti in quattro gare, 15° in Qatar e Argentina, poi 13° in Texas e 14° a Jerez.

Zarco prende un coach: arriva il mito JM Bayle

L’adattamento alla RC16 sta richiedendo tempi più lunghi del previsto e i nervi del francese hanno già mostrato qualche segno di cedimento. Un esempio sono state le sue esternazioni al box nelle libere 1 di Jerez. “Telaio e controllo di potenza sono una vera m***a” il rimprovero riservato ai tecnici e pizzicato anche dalle telecamere. Una scena finita pure su Twitter ma che presto è stata cancellata.

A portare un cambiamento, soprattutto a livello mentale, sarà una nuova figura al box, l'ex campione e leggenda delle due ruote Jean-Michel Bayle, che vestirà i panni del suo personal coach. A confermarlo, è stato lo stesso Zarco. “Sono molto felice di avere questa opportunità. Condividere le nostre esperienze mi ha già dato una visione molto più grande della missione” – ha scritto il francese sui social. Anche JM Bayle ha annunciato la collaborazione con il connazionale: “Sarò al fianco di Zarco dal GP di Francia a Le Mans. Non lavoro per il marchio KTM ma per Johann Zarco. Rimando ambasciatore del marchio Honda e vorrei ringraziarli per la loro sportività di permettermi di seguire la mia passione per condividere la mia esperienza nel mondo delle competizioni”.

Bayle, due volte campione del mondo di Motocross (in 125 e in 250) e dominatore dell’AMA Supercross dove ha conquistato la tripletta 250, 500 National e Supercross, ha 50 anni e conosce tutte le tecniche di allenamento per un pilota di moto, essendo lui un ottimo atleta e avendo corso anche nel Motomondiale, adattandosi bene al passaggio dalle piste in terra a quelle in asfalto. Protagonista delle classi 250 e 500, Bayle entrò nel team ufficiale Aprilia 250 ai tempi di Max Biaggi, dal 1993 al 1995, correndo dal 1996 al 1999 in classe regina, su Yamaha e Modenas. Le sue ultime apparizioni in una gara iridata nel 2002, ancora su Yamaha. Nel Motomondiale ha disputato 82 gare, conquistando 3 pole position e 336 punti. Sarà lui il giusto aiuto per Zarco?