Ci siamo. Il campionato del mondo di Motocross riparte nel fine settimana del 2-3 marzo dall’Argentina, sul circuito di Neuquen, per il primo round dei 19 previsti dal calendario 2019. 40 i piloti iscritti, a partire dal n. 1 Jeffrey Herlings, il 24enne campione del mondo in carica che, ancora convalescente in seguito a un misterioso infortunio al piede destro rimediato in Spagna lo scorso gennaio, sarà però costretto a saltare la gara inaugurale. “Un vero peccato – si rammarica – l’anno scorso era stata una delle mie migliori gare. Non ho ancora recuperato dall’infortunio anche se il progresso dall’operazione sta procedendo bene. Tra un paio di settimane (esattamente l’11 marzo, ndr) passerò da un’immobilizzazione completa a una fasciatura più leggera e si potranno valutare i tempi del completo recupero”.

Cairoli a caccia del 10°

Ad approfittarne sarà Tony Cairoli che, reduce da una stagione chiusa con il titolo di vice campione ma soprattutto da rivale diretto del fenomeno olandese, in Patagonia andrà a caccia della sua prima vittoria a Neuquen. “In Argentina non sono mai arrivati grandi risultati – ha ammesso il campione siciliano che, al via della sua 16esima stagione iridata con l’obiettivo di conquistare il decimo titolo in carriera, ha vinto solo due volte la gara di apertura. “Per me è comunque davvero un bel GP. La posizione del circuito è ottima, così come il tracciato e l’atmosfera creata dai fan, quindi non vedo l’ora di essere al cancelletto di partenza. Sarà la prima gara, per cui vedremo tutti a che punto siamo e come andranno le cose. Sarà importante costruire bene la stagione e avere una buona spinta dall’inizio”.

Quartetto tricolore

Il siciliano dovrà però fare i conti con rivali sempre agguerriti come lo sloveno Tim Gajser (Honda) e il francese Romain Febvre (Yamaha), entrambi sonoramente già messi in riga nelle tre manche degli Internazionali, ma anche Clement Desalle (Kawasaki), il solo nella passata stagione ad aver interrotto il dominio KTM con una vittoria. Tra gli altri, Maximilan Nagl (KTM) Jeremy Seewer (Yamaha), Arminas Jasikonis e Pauls Jonass (Husqvarana) e Gautier Paulin (Wilvo Yamaha). Non mancherà la sfida con la carica tricolore che vedrà al via Alessandro Lupino (Kawasaki), Samuele Bernardini (Yamaha) e Ivo Monticelli (KTM). Sabato 2 marzo le qualifiche dalle 15:25 ora locale (le 19:25 in Italia), domenica 3 marzo gara-1 alle 17:15 e gara-2 alle 20:10 (orari italiani). Diretta sul sito ufficiale, in tv differita domenica sera su Eurosport 2 a partire dalle 22:00.