Tony Cairoli / MXGP
in foto: Tony Cairoli / MXGP

Il GP d’Olanda sulla sabbia di Valkenswaard inizia nel migliore dei modi per Antonio Cairoli (KTM). Lasciata la Gran Bretagna con la vittoria del round di Matterley Basin, il nove volte campione del mondo e leader della classifica generale non manca l’appuntamento con una delle sue piste preferite, chiudendo alla grande la manche di qualifica e conquistando la vittoria di gara-1.

Cairoli approfitta dell’errore di Anstie, sua gara-1

Partito forte dalla pole, Cairoli ha conquistato l'holeshot ma il britannico Max Anstie (KTM) non ha perso tempo, riuscendo a passare il siciliano nelle prime fasi. Secondo a metà gara, Cairoli non ha forzato in scia al rivale che, complice una caduta, ha lasciato strada libera al nove volte campione siciliano. Un’occasione preziosa per il Tonino nazionale che da solo al comando ha impresso un ritmo inarrivabile per gli inseguitori che alle sue spalle si sono dati battaglia per la piazza d’onore. “Ho fatto l’holeshot ma non mi sentivo bene con la spalla – ha ammesso Cairoli a fine gara – . Non riuscito a correre con il mio passo e ho visto che Max Anstie stava correndo davvero bene, era molto veloce ma poi a un certo punto ha fatto un errore e l’ho passato. Non sono comunque contento per quello che riguarda la mia condizione fisica. Vedremo come andrà nella seconda manche”.

Con Cairoli, sul podio di gara-1 salgono il belga della KTM Clement Desalle e il francese della Kawasaki Gautier Paulin. Quarto Arminas Jasikonis (Husqvarna) che precede Jeremy Van Horebeek (Honda), Julien Lieber (Kawasaki) e Tim Gajser (Honda), riuscito a risalire fino alla 7° piazza dopo una brutta caduta che gli ha fatto perdere tantissime posizioni. Completano la top ten Jeremy Seewer (Yamaha) e Shaun Simpson (KTM) e Jordi Tixier (KTM). Indietro gli altri italiani: 18° Ivo Monticelli (KTM), incappato anche lui in una caduta, solo 32° Alessandro Lupino. Gara-2 alle 17:10.