Il modello selezionato non è temporaneamente disponibile per essere configurato come vettura nuova” si legge sul sito Porsche. Si tratta di uno stop temporaneo delle vendite, una decisione drastica che servirà ad adeguare i modelli della casa tedesca ai nuovi standard di prova WLTP che entreranno in vigore a settembre in tutta l’Unione europea per le emissioni e il consumo di carburante e che tiene in considerazione anche le particelle ultrafini prodotte dai motori benzina a iniezione diretta.

Il blocco delle vendite riguarda i modelli cardine di Porsche, incluse 718 Boxster, GTS e Cayman, 911 e Cayenne, che rimangono ordinabili senza però avere una data certa sulla consegna che, in ogni casco, slitterà a dopo settembre. L’arresto delle vendite è esteso a tutti i mercati europei per il sospetto del mancato rispetto dei nuovi standard degli attuali modelli. La notizia è diffusa dal Frankfurter Allgemeine Zeitung. Secondo il quotidiano tedesco "i tempi di attesa per una nuova versione di Porsche Cayenne o una nuova Panamera potrebbero allungarsi sino a marzo del 2019 mentre la 911 non dovrebbe essere disponibile prima dell'autunno".

"Avremo una restrizione temporanea alla gamma di modelli”, legata alla “nuova legislazione sulle emissioni che rende necessario l’impiego di un filtro anti-particolato per i motori a benzina (GPF) e ottenere nuove omologazioni non oltre il primo settembre 2018" ha fatto sapere un portavoce di Porsche. La notizia è stata ripresa dall'autorevole Automotive News che fa riferimento a quanto già indicato da Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Le nuove prove WLTP (Worldwide harmonized Light vehicles Test Procedure) sostituiscono i test NEDC (New European Driving Cycle) e, in particolare, le nuove prove su strada identificate dalla sigla RDE (real-driving emissions) consentiranno una valutazione dei livelli di emissioni prodotte durante l’impiego dei veicoli. Lo stop sarebbe legato proprio a ulteriori verifiche sul rispetto dei nuovi parametri, prima che i nuovi standard entrino in vigore.