Volvo XC60
in foto: Volvo XC60.

La case automobilistiche sono sempre più attente al fattore sicurezza e proprio per questo Volvo ha annunciato il richiamo di 167mila vetture che potrebbero presentare un problema al meccanismo elettrico di apertura del portellone posteriore: una misura preventiva quella della casa svedese di proprietà della cinese Geely che, in una nota, ha specificato come non ci sia stata nessuna segnalazione di incidenti gravi riguardanti questo problema.

Interessati i modelli XC60 prodotti tra il 2018 e il 2019

Una misura cautelativa per Volvo che ha preferito optare per il richiamo. Ad essere interessati dal difetto sarebbero i modelli di Volvo XC60 prodotti tra il 2018 e il 2019. A causare il problema potrebbero essere le basse temperature che, in alcuni casi, potrebbero interferire con il corretto funzionamento del meccanismo elettronico; il sistema che permette il sollevamento del portellone posteriore, infatti, può allentarsi arrivando a cedere durante il suo utilizzo. La casa ha già fatto sapere che si occuperà di sostituire il meccanismo in maniera del tutto gratuita ai proprietari che sono già stati avvisati.

Volvo, da sempre particolarmente attenta alla sicurezza, si è già mossa per risolvere l'eventuale problema sui modelli di XC60 venduti nel mondo tra l'anno scorso e quello appena iniziato. Già qualche settimana fa la casa svedese aveva avviato un'altra campagna di richiamo su circa 200mila vetture a livello globale per un problema che potrebbe verificarsi ai motori diesel: in quel caso, infatti, c'era il pericolo che alcune piccole fessure all'interno di una delle tubazioni di carburante nel vano motore, che insieme a un sistema di alimentazione pressurizzato, potrebbero col tempo portare a perdite di carburante nel vano motore.