Valentino Rossi e Lewis Hamilton / Instagram
in foto: Valentino Rossi e Lewis Hamilton / Instagram

Quindici titoli iridati in due, nove quelli di Valentino Rossi e sei quelli di Lewis Hamilton che, all’età di 40 e 35 anni rispettivamente, oggi regalano spettacolo al Ricardo Tormo di Valencia, anche se a porte chiuse. Lo scambio di mezzi, in questi anni rinviato più volte, è finalmente arrivato, con il pesarese al volante della Mercedes di Formula 1 e il fuoriclasse britannico in sella alla Yamaha M1.

Rossi-Hamilton in tv: dove vedere lo scambio tra MotoGP e Formula 1

Una giornata, quella di oggi 9 dicembre, di grande divertimento per entrambi, resa possibile grazie a Monster, il produttore dell’omonimo energy drink che supporta i due campionissimi dei GP. L’obiettivo dell’incontro è l’operazione commerciale dello sponsor ‘bibitaro' che a foto, dirette e video attesi oggi sui canali social, farà seguire un documentario. Non è ancora noto quando il film di questa giornata sarà disponibile ma non è da escludere che, già nei prossimi giorni, e molto probabilmente nel periodo delle vacanze di Natale vengano diffuse le prime clip opportunamente montate.

Hamilton è partito questa mattina presto per raggiungere il circuito spagnolo, meravigliato dai primi raggi di sole che hanno colorato il cielo di Valencia (“Grato per quest’alba” ha scritto Lewis nelle sue storie Instagram). Valentino, invece, che è sempre stato meno dipendente dai social network, ha affidato ai professionisti dei canali ufficiali gli aggiornamenti di questa sua esperienza. Prima di raggiungere Valencia, il pesarese era stato nelle sede della Mercedes a Brackley per la prova sedile e ha potuto provare al simulatore. La Mercedes utilizzata nel test di oggi a Valencia è quella con cui Lewis ha vinto il titolo del 2017, la W08, spinta da un motore ibrido V6 turbo. Hamilton, d’altra parte, è in sella alla Yamaha M1, ma al momento non è possibile stabilire esattamente l’anno e la versione utilizzata dal britannico.

Sabato scorso, in vista del test di oggi, sempre a Valencia Lewis ha avuto modo di svolgere uno shakedown con accanto Franco Morbidelli, pilota della Yamaha satellite in MotoGP, che ha avuto l’opportunità di fargli da coach. A Lewis è stato chiesto di girare dopo le 11 di mattina per sfruttare le ore più calde della giornata. Del resto, un anno fa, quando si era concesso un test a Jerez con la Yamaha Superbike e Sam Lowes a fargli da coach, Lewis era incappato in una scivolata che non aveva certo esaltato i vertici della Mercedes. Un imprevisto, quello di una caduta, che oggi si è voluto scongiurare il più possibile, attendendo che le temperature dell’asfalto fossero sufficientemente alte per permettere alle gomme di lavorare nella giusta finestra di esercizio. Diversa e molto più semplice la situazione di Rossi che sulle quattro ruote negli Anni 2000 è stato protagonista di una serie di test con la Ferrari, con risultati tra l’altro molto promettenti, che fecero addirittura ipotizzare un suo salto dalla MotoGP alla Formula 1.