La nuova BMW S 1000 RR con cui Sykes e Reiterberger affronteranno la stagione 2019 del campionato del mondo Superbike
in foto: La nuova BMW S 1000 RR con cui Sykes e Reiterberger affronteranno la stagione 2019 del campionato del mondo Superbike

Nuova sfida per Tom Sykes. Dopo nove anni in sella alla Kawasaki con cui si è laureato campione del mondo nel 2013, il britannico sposa il progetto BMW che dal 2019 tornerà nel mondiale Superbike in veste ufficiale. L’annuncio oggi all’Eicma, il salone dedicato alle due ruote in corso a Milano, dove BMW ha presentato la nuova S 1000RR, superbike sviluppata e preparata dallo stabilimento di Monaco insieme al team Shaun Muir Racing, base della derivata con cui Sykes affronterà il mondiale. BMW Motorrad Motorsport sarà responsabile dello sviluppo del motore, dell’elettronica, del telaio e dell’aerodinamica. Le altre aree di test e corse saranno affidate allo Muir Racing team che abbandona l’Aprilia per gestire la quattro cilindri bavarese.

BMW con Sykes e Reiterberger

Per l’ex campione della Kawasaki sarà la prima stagione con un costruttore diverso dal 2010: “Sono davvero entusiasta di unirmi al progetto BMW nel Campionato WorldSBK – ha ammesso Sykes che ha debuttato nel mondiale nel 2008, come wild card con la Suzuki, e gareggiato nella stagione 2019 con una Yamaha ufficiale – . Credo che il rapporto tra BMW e Shaun Muir Racing rappresenti una grande opportunità, inoltre condividiamo gli stessi obiettivi di dove vogliamo essere. Non vedo l’ora di iniziare a preparare i test pre-stagionali, dove avrò un piccolo assaggio della moto e inizierò questa nuova e stimolante avventura”.

A dividere il box con Sykes sarà il tedesco Markus Reiterberger, fresco campione europeo Superstock 1000 sempre con la BMW, soddisfatto dell’opportunità di tornare nel mondiale. “Sono felicissimo di restare con la famiglia BMW e di correre con un team di grande esperienza. Non vedo l’ora di lavorare con la squadra e il mio nuovo compagno, Tom Sykes. Ho moltissimo rispetto per lui, è stato già campione del mondo ed è stato uno dei migliori per anni. Posso imparare molto da lui e spero di lavorare da subito bene insieme per riportare il marchio davanti. Dovremo fare attenzione a non avere aspettative troppo alte, perché abbiamo una nuova moto e siamo una nuova squadra. Dobbiamo solo pensare a migliorare costantemente ed assicurarci di preparare bene l’inizio della stagione”.