Michael Schumacher sta lentamente ma costantemente migliorando”. Lo ha detto Sabine Kehm, portavoce del sette volte campione del mondo di Formula 1 in una videointervista rilanciata dai principali media tedeschi.

Siamo felici di affermare che fa continui progressi, alla luce della gravità della sua situazione in seguito all'incidente sulle piste da sci – aggiunge Kehm.

La storica manager di Schumacher è molto cauta quando spiega che “ci vorrà moltissimo tempo”:

Sarà una lunga battaglia per lui e tutte le persone che gli stanno accanto. Noi siamo felici di affrontarla a testa alta”.

Dal quel maledetto 29 dicembre del 2013, quando Schumacher ha battuto la testa contro una roccia nell'incidente sulle piste di Meribel, il campione tedesco sta affrontando il difficile percorso di recupero, rigorosamente lontano dai media e dalla sete di informazioni sulle sua situazione.

Nelle ultime settimane, la portavoce del campione tedesco ha rotto un lungo silenzio sulla sua condizione, spiegando che Schumacher “prosegue nelle cure con piccoli progressi di un lungo percorso. Con la bella stagione, Michael potrà trascorrere qualche ora all’aria aperta” nella residenza svizzera di Gland dove il campione tedesco è costantemente seguito da un’equipe medica di 15 specialisti tra neurologi, fisioterapisti e logopedisti coordinato dal prof. Richard Frackowiak, luminare del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche dell’Università di Losanna.