Una mail a tutti dipendenti che parla di “sabotaggio esteso e dannoso” da parte di un dipendente: lo riporta la Cnbc, secondo cui nella tarda serata di domenica Elon Musk in persona ha scritto a tutti i dipendenti, sostenendo di aver scoperto un sabotatore all’interno della società. In particolare, il ceo di Tesla, ritiene che questo dipendente abbia modificato i codici relativi ad alcuni prodotti interni e diffuso i dati aziendali senza autorizzazione. Musk ha inviato un’ulteriore email lunedì mattina riguardo a un incendio in una fabbrica in cui sembra fare riferimento a possibili sabotaggi.

Sabotaggio in Tesla

Non è la prima volta che Musk solleva il sospetto di sabotaggio: nel 2016, dopo che un razzo SpaceX esplose mentre veniva rifornito prima di un test, sia Musk che il direttore operativo della società di trasporto spaziale Gwynne Shotwell avevano esaminato la possibilità di sabotaggio. La società ha declinato ogni commento ma alcuni dipendenti di differenti divisioni all’interno di Tesla hanno confermato la ricezione delle mail. Si può parlare dunque di una vera e propria “spy story”, ennesimo caso di spionaggio industriale come quelli che, negli ultimi decenni, hanno tenuto banco principalmente in Formula 1, coinvolgendo scuderie come McLaren, Ferrari e poi anche Renault nella nota controversia della fine degli anni 2000.

Al centro delle polemiche

Negli ultimi tempi Tesla è al centro delle polemiche per diversi incidenti, sia per quanto riguarda l’Autopilot, il sistema di guida semi-autonoma, sia per i diversi incendi che hanno coinvolto i modelli della casa californiana. L’ultimo proprio nelle ultime ore, dopo che una Model S del noto produttore tv e registra britannico Michael Morris ha improvvisamente preso fuoco mentre era nel traffico di Los Angeles. Il regista britannico si trovava in auto insieme alla moglie, la famosa attrice Mary McCormack, ed entrambi sono fortunatamente riusciti a sfuggire alle fiamme. McCormack su Twitter ha poi pubblicato il video dell’incendio, ringraziando la coppia che ha segnalato il pericolo. Tesla ha parlato di “circostanza straordinariamente inusuale” aprendo un’indagine della quale a breve ha promesso di divulgare i risultati. Tesla sta attualmente incrementando la produzione di auto elettriche per raggiungere l’obiettivo di 5.000 Model 3 alla settimana entro fine giugno, ma allo stesso tempo ha annunciato ristrutturazione interna e il taglio di almeno il 9% della sua forza lavoro.