Daniil Kvyat – Getty images
in foto: Daniil Kvyat – Getty images

Andata e ritorno, il viaggio di Daniil Kvyat lontano dalla scuderia che lo aveva lanciato nel mondo della Formula 1 è durato solo un anno: il russo, che nel frattempo era diventato pilota di sviluppo della Ferrari, ha deciso di accettare la corte della Toro Rosso e dal 2019 tornerà a far parte in pianta stabile del Circus sostituendo nella scuderia di Faenza Pierre Gasly che andrà in Red Bull al posto di Daniel Ricciardo.

Il russo torna nella scuderia che lo aveva lanciato in F1

"Toro Rosso mi ha sempre fatto sentire a casa e sono sicuro che sarà lo stesso anche nella prossima stagione. Vorrei anche ringraziare la Ferrari per aver avuto fiducia nelle mie capacità di guida che mi hanno permesso di rimanere in contatto con la F1 come loro pilota di sviluppo. Anche se i miei compiti erano principalmente basati sul simulatore, ho imparato molto e ora mi sento più forte e preparato meglio di quando ho lasciato la Toro Rosso. Non ho mai smesso di sperare di tornare a correre, darò il massimo e non vedo l'ora che tutto ricominci", sono state le parole del russo.

Anche il team principal, Franz Tost, ha dato il bentornato al figliol prodigo: "Credo che meriti un'altra possibilità in Formula 1. Daniil è un pilota esperto e molto veloce. In passato ha dovuto affrontare delle situazioni difficili, ma sono convinto che lontano dalle corse abbia avuto il tempo di maturare come persona e questo lo aiuterà a mostrare le sue innegabili capacità in pista" ha dettoL'ultimo GP in Formula 1 corsa da Kvyat è stato quello degli Stati Uniti 2017: a poco meno di due anni il russo sarà di nuovo al volante, riprendendo la sua avventura lì dove l'aveva. Dalla Toro Rosso alla Toro Rosso, andata e ritorno per il russo al quale la scuderia faentina ha voluto concedere una seconda occasione: adesso starà a lui dimostrare come un solo anno in Ferrari possa cambiare la carriera di un pilota.