Valentino Rossi al Monza Rally Show 2015 / Getty
in foto: Valentino Rossi al Monza Rally Show 2015 / Getty

Chi conosce Valentino Rossi sa che il campionissimo della MotoGP è sempre stato un amante delle abitudini: dalla preparazione del weekend di gara ai rituali prima di ogni partenza, dalla scelta delle vacanze fino agli hobby del suo tempo libero, il pesarese ha sempre prestato molta attenzione alla sua routine. Quest’anno, però, il Dottore ha deciso di cambiare qualcosa del suo rigido cliché, come da lui stesso rivelato alla vigilia del GP d'Italia al Mugello.

"Niente Monza Rally, faccio la 12 Ore di Abu Dhabi"

Nella giornata riservata ai tifosi e alla stampa, il pesarese ha infatti sorpreso tutti gli appassionati svelando che nel 2019 non parteciperà al Monza Rally Show, ma che ha in programma un nuovo progetto per chiudere la sua stagione agonistica. L'ammissione, a margine della conferenza pre-evento che ha ufficialmente aperto il weekend di gara.

Quest’anno non faremo il Rally di Monza, cambiamo genere. Faremo una gara di endurance ad Abu Dhabi, la 12 ore del Golfo, sulla stessa pista dove si correrà anche l’ultimo GP della Formula 1, con una Ferrari 488 GT3 del team Kessel Racing. È una gara di durata con tre piloti che si alternano al volante, e i piloti siamo io, Uccio e mio fratello Luca” ha spiegato Valentino ai microfoni di Sky Sport.

Una nuova avventura per il nove volte iridato che sente il bisogno di fare “delle altre cose” e provare l’emozione di una nuova esperienza. Rossi non difenderà quindi il titolo di campione in carica della kermesse brianzola (che già ha vinto sette volte) ma abbraccerà una sfida che in passato ha attratto anche altri piloti delle due ruote, compreso il suo ex compagno di squadra in Yamaha, Jorge Lorenzo, che al volante di una Ferrari 458 GT3 schierata sempre dal team Kessel Racing, nel 2014 ha chiuso con il 18° posto assoluto, conquistando la vittoria di classe.