La Volvo 262C Bertone appartenuta a David Bowie
in foto: La Volvo 262C Bertone appartenuta a David Bowie

Il valore di un'auto d'epoca, nella maggior parte dei casi, dipende dalla storia che il mezzo è stato in grado di scrivere: capita a volte, però, che nonostante nel curriculum della vettura non ci siano coppe o trofei il suo appeal superi quello degli altri modelli: è il caso della Volvo 262C prodotta da Bertone nel 1981 che è stata venduta in Svizzera per il corrispettivo di 180mila euro. A far lievitare il prezzo – ben oltre la classica valutazione dell'auto, stimata intorno ai 25mila euro se in perfette condizioni – è stato però il fatto di essere appartenuta al grande cantautore e attore David Bowie, scomparso nel 2016.

Il nome del cantante decisivo per far lievitare il prezzo

A renderla così speciale per gli appassionati è proprio il nome che capeggia sul libretto dell'auto; la vettura, infatti, era una di quelle del garage di Bowie, ragione per la quale è diventata un vero e proprio oggetto di culto non solo per gli amanti delle quattro ruote, ma anche tutti gli appassionati di musica e per i fan dell'artista.  L'auto, di cui sono stati costruiti complessivamente 6.622 esemplari, la maggior parte dei quali destinati al mercato americano dove entrò in concorrenza con la Cadillac Eldorado, era spinta da un motore V6 2.7 da 155 Cv e venne prodotta in Italia nello stabilimento di Grugliasco dopo essere nata dalla matita di Bertone.

L’automobile posseduta da Bowie è stata una degli ultimi modelli della linea prodotta nel 1981 e fu consegnata presso la casa svizzera del Duca Bianco nel giugno di quell'anno. L'auto è stata inizialmente registrata con il nome di battesimo di Bowie, David Robert Jones, prima di essere trasferita alla sua società di edizioni musicali, la Bewlay Bros. È stata venduta con oltre 50.000 chilometri sul tachimetro ed è stata descritta dai banditori come in condizioni originali e ben mantenuta; un plus che, oltre a due nomi storici come quelli di Bertone, ma soprattutto Bowie, hanno fatto schizzare alle stelle il suo valore.