12 Gennaio 2017
11:59

Vespa che passione, 5 parabrezza che rendono l’icona una opera d’arte

Tutto può diventare anche il mitico vespino. L’artista italiano Guido Palmeri ha elaborato una tecnica tutta sua con la quale dipinge ritratti sul parabrezza della Vespa. Le sue opere ritraggono personaggi storici e super eroi a bordo dello scooter più amato al mondo.
A cura di Pietro Ginechesi

La Vespa è un'icona dell'industria italiana. Un veicolo che col tempo ha assunto diverse sfumature incontrando spesso l'arte. Uno di questi mix coinvolge pittura e vespismo ed arriva proprio dall'Italia. Guido Palmero è un artista italiano che da anni ha sviluppato una particolare tecnica di pittura: la tela è effettivamente il parabrezza di un'auto o di uno scooter. Con un sapiente utilizzo dei colori acrilici, Palmero riesce a creare dei veri e propri ritratti, che tutt'ora sono parte integrante della Galerie Ferrero di Nizza, Francia, dove sono esposti in modo permanente. La Mirafiori Galerie dal 26 gennaio al 26 febbario 2017 ospiterà la rassegna Art al parabrise, dove saranno esposti alcuni parabrezza di Vespa del tutto particolari.

La Vespa come Batmobile

Anche il supereroe più ricco di tutti può godersi un giro in Vespa. Quando il dovere chiama ma Alfred ti dice che la Batmobile ha la batteria scarica bisogna correre a ripari ed il vespino è sempre pronto all'azione: un colpo al pedale di avviamento e si va a combattere il crimine con tutto lo stile del Made in Italy. Anche Bruce Wayne ama scorrazzare per Gotham City quando le condizioni atmosferiche lo permettono.

Il cavaliere errante in Vespa

Palmieri omaggia la letteratura medievale proponendo una reinterpretazione "pop" di uno di classici dell'epoca. Il Cavaliere Errante raccontato da Tommaso III di Saluzzo è uno dei temi più ricorrenti nei testi cavallereschi. Il viaggio, visto come un'allegoria della vita, viene intrapreso generalmente a cavallo. Nell'opera di Guido Palmieri, il cavaliere abbandona il fido cavallo e sale in groppa alla sua Vespa con la sua amata che si regge sulla sella stringendogli il petto.

Fuga in Vespa dalle prigioni di Silvio Pellico

Nella prima metà del 1800, in piena epoca rivoluzionaria, il carboniere Silvio Pellico viene arrestato e trascorre 10 anni di prigionia tra Venezia e Brno. Durante la sua detenzione, Pellico scrive "Le mie prigioni" un libro di memorie di grande successo e simbolo di un'era. Tra i parabrezza di Palmero c'è anche un ritratto di Silvio Pellico che, in sella alla Vespa, fugge dalle sue prigioni e si gode la libertà.

Superman vola in Vespa

Il superpotere più ambito da tutti probabilmente è la capacità di volare. Superman è il maggiore rappresentante di questa categoria di super eroi. Il kriptoniano più famoso del mondo raggiunge ogni posto volando alla velocità della luce ma anche lui, di tanto in tanto, ama godersi la vita da comune mortale e non sa rinunciare ad un giro in Vespa. Ovviamente quando i super cattivi non sono nei paraggi.

Il vespista anonimo

Personaggi famosi e super eroi non sono esenti al fascino della Vespa. Nessuno è esente al fascino del vespino e, probabilmente, il vero eroe è proprio il piccolo anonimo. Oggi è un'icona pop ma la Vespa resta pur sempre un mezzo di trasporto e da anni è fedele compagna di quegli eroi che, ogni giorno, affrontano condizioni meteo avverse e vivono la loro battaglia quotidiana in sella allo scooter.

Scappa dalla guerra in Afghanistan e diventa un'icona del calcio femminile: la storia di Nadia Nadim
Scappa dalla guerra in Afghanistan e diventa un'icona del calcio femminile: la storia di Nadia Nadim
F1, prove libere 2 GP del Belgio: a Spa Verstappen è il più veloce ma va a muro. Disastro Ferrari
F1, prove libere 2 GP del Belgio: a Spa Verstappen è il più veloce ma va a muro. Disastro Ferrari
Raimondi d'argento nei 200 misti, Terzi di bronzo: 63 le medaglie per l'Italia alle Paralimpiadi
Raimondi d'argento nei 200 misti, Terzi di bronzo: 63 le medaglie per l'Italia alle Paralimpiadi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni