Una prima sessione di prove libere in sordina, una seconda da protagonista assoluta: un venerdì a due facce quello della Ferrari che però, visto il risultato, alimenta la speranza di poter cogliere quella prima vittoria che la Rossa insegue da inizio stagione e che permetterebbe alla scuderia italiana, oltre che di accorciare sui rivali della Mercedes, anche di togliersi un peso psicologico importante.

Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images
in foto: Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images

Vettel ammette: "Non siamo noi i più veloci"

Le Ferrari sono tornate davanti grazie a una seconda sessione di prove libere nella quale Mercedes ha dovuto fare i conti con temperature molto elevate che hanno mandato in crisi le gomme e un incidente, quello che ha portato Hamilton a forare la gomma posteriore sbattendo contro il muro danneggiando il fondo, decisamente imprevisto. Nonostante la doppietta nelle libere, però, Sebastian Vettel predica calma dimostrando ancora una volta di avere i piedi ben saldi a terra.

La sessione è stata interessante anche se la pista era scivolosa e sporca all'inizio. Sarà importante crescere man mano che migliora, vedremo cosa riusciremo a fare – sono state le sue parole riportate da Sky -. Quello che accadrà in qualifica lo vedremo così come la strategia. Le gomme non sono durate a lungo, almeno le soft. Dobbiamo sicuramente migliorare però se vogliamo mettere la macchina in una buona posizione, non siamo i più veloci e credo ci sia ancora un bel gap da recuperare alla Mercedes.

Leclerc sulla stessa lunghezza d'onda del tedesco

Quello di non essere convinti di poter essere davanti alla Mercedes sia in qualifica che in gara è un pensiero che accomuna i due piloti della Rossa, cauti nelle dichiarazioni nonostante il miglior tempo al venerdì. Così come Sebastian Vettel, infatti, anche Charles Leclerc preferisce spegnere i facili entusiasmi preferendo concentrarsi sul lavoro ancor da fare per portare la Ferrari a livello delle Frecce d'argento: "Abbiamo migliorato molto nelle sessioni, ma sono sicuro che Mercedes ha ancora qualcosa in più. Dobbiamo lavorare ancora anche se la velocità di punta qui può aiutarci. Proveremo a fare del nostro meglio. La macchina era difficile da guidare con questo caldo, cerchiamo di migliorarla il più possibile. La gomma hard? se la usiamo sarà in gara, ma abbiamo già abbastanza dati" ha spiegato.