Una prova di forza quella della Ferrari, vogliosa di spazzare via le prime nubi che cominciavano ad addensarsi dopo la prima uscita di Melbourne, che non ha lasciato scampo agli avversari: un venerdì praticamente perfetto quello della scuderia italiana, capace di dominare entrambe le sessioni di prove libere candidandosi così al ruolo di squadra da battere per il weekend del Bahrain.

Sebastian Vettel – Ferrari
in foto: Sebastian Vettel – Ferrari

Il tedesco non si fida delle Mercedes

Prima Charles Leclerc, poi Sebastian Vettel – capaci di spartirsi le due sessioni – hanno dimostrato che, almeno nelle prima giornata sulla pista del Bahrain, la SF90 è pronta a dettar legge. Un ritmo insostenibile per tutti gli avversari che hanno rimediato distacchi fin troppo ampi anche se dare per scontata la pole position sarebbe un errore madornale. Ne è convinto anche Sebastian Vettel che, però, non può non essere soddisfatto di quanto mostrato dalla sua vettura.

Oggi è stata un‘ottima giornata per noi, la macchina era sicuramente più confortevole al retrotreno e c’è ancora potenziale da esprimere. Però credo che dobbiamo ancora lavorare per trovare altro passo in vista delle qualifiche di domani – sono state le sue parole nella conferenza post libere -. Ovviamente speriamo di essere in una forma migliore rispetto a Melbourne; oggi forse eravamo in modalità differente rispetto ai rivali e quindi non sarei così concentrato sui tempi. Le Mercedes sono veloci e in qualifica lo dimostreranno, dobbiamo fare ancora miglioramenti, c’è ancora da trovare qualcosa, non sono del tutto contento oggi, la pista era scivolosa e non si riusciva a tirare fuori il massimo dalle gomme.

Leclerc vola basso

Se il tedesco può sorridere per i progressi mostrati dalla SF90 anche il suo compagno di squadra sembra essere sulla strada giusta per centrare quel podio sfuggito in Australia e primo obiettivo stagionale di Leclerc, alla seconda gara al volante della Ferrari ma già capace di girare ai livelli del quattro volte campione del mondo di Formula 1. Un feeling quasi immediato quello con la Rossa che il monegasco spera di trovare sia in qualifica sia in gara: "Il bilanciamento della vettura è buono, la fiducia è molto più alta che in Australia, spero che avremo i cambiamenti giusti anche per le qualifiche. Anche il ritmo di gara è buono, ma restiamo tranquilli perché i rivali domani saranno più vicini" sono state le sue parole.