Non poteva esserci appuntamento di quello del Bahrain per Sebastian Vettel, chiamato a rispondere alle critiche dopo il GP d'Australia, chiuso al 4° posto in evidente difficoltà e incalzato anche dal compagno di squadra Charles Leclerc, rimasto dietro solo grazie all'ordine di scuderia impartito dal muretto box della Ferrari.

Sebastian Vettel dopo la vittoria in Bahrain – Getty Images
in foto: Sebastian Vettel dopo la vittoria in Bahrain – Getty Images

Il tedesco è il pilota più vincente nella storia del GP

Per il tedesco, però, la gara nel deserto rappresenta il luogo ideale per mettere a tacere gli scettici: il pilota della Rossa, infatti, è il recordman del tracciato con ben 4 successi conquistati – due con Red Bull e altrettanti con il Cavallino – che ne fanno il più vincente nella storia della gara. Il primo arrivò nel 2012, seguito poi da quello ottenuto l'anno successivo prima del digiuno interrotto nel 2017 quando riuscì a chiudere davanti a tutti con la Ferrari bissando poi nella passata stagione. L'obiettivo del quattro volte campione del mondo è di vincere per la terza volta consecutiva, cosa che non è mai riuscita a nessuno nella gara del Bahrain. Non ci sono solo vittorie nella storia tra Sakhir e Vettel, però, visto che il tedesco può vantare un altro primato, ossia quello di pilota con più pole position su questo tracciato dove è in testa con 3 partenze dalla prima casella dello schieramento precedendo Michael Schumacher, Nico Rosberg e Lewis Hamilton, tutti fermi a 2.

In Bahrain la Ferrari ha già vinto 6 volte

Una pista che ben si sposa con la caratteristiche del numero 5 della Ferrari, determinata a dimostrare come quello di Melbourne sia stato solo un incidente di percorso. La scuderia di Maranello, infatti, è quella con più vittorie all'attivo in Bahrain grazie ai 6 successi conquistati contro i 3 della Mercedes che però, nell'era ibrida, ha sempre centrato l'obiettivo di portare sul podio entrambi i piloti. Sarà ancora una volta un duello tra queste due squadre con la Rossa determinata a far valere il "fattore campo"; la pista di Sakhir l'ha sempre vista protagonista e gli uomini in rosso sono sicuri che, grazie anche modifiche tecniche programmate, il Bahrain possa essere ancora una volta terreno di conquista per la Ferrari e Sebastian Vettel.