Doveva essere la stagione del riscatto per la Williams, ma se è vero che il buongiorno si vede dal mattino il 2019 della scuderia inglese non si apre sotto i migliori auspici; il team di Grove, infatti, ha fatto sapere che non prenderà parte alla prima giornata dei test collettivi in programma a Barcellona per il 18 febbraio perché ancora in ritardo con la nuova vettura che parteciperà al campione mondiale di Formula 1.

La FW42 non è ancora pronta per scendere in pista

Dopo aver cancellato lo shakedown per problemi legati alla nuova FW42, la Williams ha deciso di posticipare il proprio esordio nei test invernali semplicemente perché la monoposto "non è pronta per partire". A renderlo noto è stata Claire Williams in persona, team principal della scuderia britannica, in un comunicato: "Purtroppo siamo costretti a ritardare l’inizio dei test pre-campionato a martedì mattina. Abbiamo avuto un inverno davvero intenso a Grove per preparare alla nuova stagione la FW42 e, nonostante tutti gli sforzi, ci vorrà ancora un po' di tempo prima che sia pronta. La nostra priorità assoluta è quella di portare in pista la migliore auto possibile e, a volte, questo richiede più tempo di quanto si possa pensare. Non è chiaramente la situazione ideale, ma allo stesso tempo non c’è da disperarsi" le sue parole.

Robert Kubica e George Russell, quindi, entreranno in scena solo martedì perdendo così un giorno di lavoro rispetto alle altre scuderie che lunedì 18 febbraio saranno regolarmente in pista per cominciare a prendere le misure con le rispettive monoposto. La Williams, invece, dovrà partire rincorrendo e dovrà cercarsi si mettersi in pari per la prima gara della stagione 2019 che si correrà il 17 marzo in Australia; non esserci neanche lì sarebbe un problema vero oltre che l'ennesima pagina di un periodo nerissimo per uno dei team più vincenti nella storia della Formula 1.