Toto Wolff e Valtteri Bottas – LaPresse
in foto: Toto Wolff e Valtteri Bottas – LaPresse

Germania e Ungheria, due tappe che per Valtteri Bottas potrebbero diventare fatali: il pilota della Mercedes, infatti, ha vissuto due weekend complicati ma se mentre a Hockenheim la sua uscita a muro era stata parzialmente mitigata dall'11° posto ottenuto  – poi diventato nono per la penalità alle due Alfa Romeo Racing – da Lewis Hamilton all'Hungaroring il confronto diretto tra i due è stato impietoso con l'inglese a scrivere una rimonta da ricordare e il finlandese a farsi superare dal compagno di squadra al via danneggiando anche l'ala anteriore nel primo giro e poi annaspando faticosamente per risalire.

Wolff indeciso tra Bottas e Ocon per affiancare Hamilton nel 2020

Un confronto, quello con il campione del mondo in carica, che seppur a parità di macchina sta mettendo in mostra tutte le lacune di un pilota che a inizio mondiale aveva illuso i meno esperti di poter lottare per il titolo. La Formula 1, però, non è sport da due gare e via, il campionato è sempre una maratona che premia chi commette meno errori e dimostra maggior costanza e Bottas, in questo senso, non può certo essere annoverato tra i migliori; per questo Toto Wolff sta riflettendo sulla possibilità di un cambio piloti in Mercedes promuovendo Esteban Ocon come titolare al fianco di Hamilton e appiedando così il finlandese.

Mi spiace per Valtteri, abbiamo una decisione difficile da prendere tra Esteban Ocon e Bottas, ho il mal di cuore. Approfitteremo della pausa estiva per esaminare tutti i dati e discutere all'interno della squadra, durante questo periodo prenderemo la nostra decisione – ha ammesso ai microfoni di Sky -. C'è un giovane come Esteban che merita una possibilità ma c’è anche la pressione con cui dover fare i conti. Metterlo in Mercedes contro Hamilton può essere complicato per lui e per questo la decisione è molto difficile.

Una scelta importante quella che dovrà prendere Toto Wolff, convinto delle qualità di Ocon ma impaurito dalla presenza ingombrante di Lewis Hamilton. Sarà compito del team principal Mercedes sciogliere il dubbio e imboccare la strada più giusta per le Frecce d'argento: da un lato c'è il modello Ferrari che si trovò un anno fa davanti alla stessa decisione scegliendo di mandar via l'esperto Raikkonen per affidarsi al giovane Leclerc, dall'altra quella della continuità con un pilota che ha dimostrato di non poter rappresentare il futuro ma che garantisce una dose di esperienza importante. Toto Wolff e la Mercedes riflettono, la pausa estiva delineerà il futuro della scuderia campione del mondo in carica.