in foto: Fernando Alonso – Getty Images

Fernando Alonso, nonostante gli scarsi risultati ottenuti con la McLaren, è ancora uno dei piloti più amati della Formula 1. Lo spagnolo, capace di vincere due mondiali con la Renault, però, non sembra vivere un periodo particolarmente fortunato; negli ultimi anni, infatti, ha fatto notizia più per i team radio in cui criticava la sua scuderia che per i risultati ottenuti in pista e i 75 punti conquistati in 53 gare con la scuderia di Woking sono lì  dimostrarlo.

Lo spagnolo non rimpiange il passato.

Nonostante questo, però, il rinnovo con il team inglese sembra a un passo: il divorzio con la Honda – che dal prossimo anno fornirà i motori alla Toro Rosso – sembra aver riacceso le speranze di successo tanto che per lui sarebbe pronto un contratto da 40 milioni di euro a stagione. Una fiducia cieca quella che la McLaren sembra riporre in lui che, al netto degli scarsi risultati ottenuti, non si pente della scelta fatta in passato.

Non rimpiango nessuna delle decisioni che ho preso nella mia carriera. Sono orgoglioso di aver guidato per Renault, Ferrari e McLaren; quando ho preso la decisione di guidare per queste squadre nessuno mi h criticato; con il senno di poi è diverso, ho sempre scelto la soluzione più logica ma sfortunatamente non ho la palla di vetro – ha dichiarato ai microfoni di F1i.com-. Ciò che è accaduto a me è simile a quanto successo a Michael Schumacher in Mercedes, quando le cose non andarono troppo bene, o a Lewis Hamilton che non ha avuto subito vita facile con la scuderia di Brackley.

Un paragone importante quello del pilota spagnolo che quest'anno ha conquistato solo 10 punti in tutta la stagione, collezionando anche 6 ritiri mentre in Russia non ha preso parte al GP per problemi prima della partenza. Alonso non ha mai nascosto il desiderio di tornare a vincere prima del suo ritiro e l'ex pilota della Ferrari è convinto che la prossima possa essere la stagione giusta per farlo.