Piloti in gara in Qatar nel 2019 / Getty Images
in foto: Piloti in gara in Qatar nel 2019 / Getty Images

Pausa d’inverno agli sgoccioli per la MotoGP: manca infatti ormai poco all’inizio della stagione 2020 del Campionato del mondo di motociclismo che si preannuncia particolarmente appassionante per i tifosi. L’uomo da battere sarà il campione in carica Marc Marquez che, da quando nel 2013 è approdato in MotoGP, ha mancato solo una volta l’appuntamento con il titolo iridato, nel 2015, quando ad aggiudicarsi uno dei Mondiali più avvelenati della storia fu Jorge Lorenzo. Nel nuovo anno il #99 osserverà però i colleghi dal paddock (dopo il ritiro, lo spagnolo ha detto che con il 2020 annuncerà quale sarà il suo nuovo ruolo) e al suo posto in Honda arriverà Alex Marquez, campione in carica della Moto2 e fratello più giovane di Marc, che farà dunque coppia con “l’alieno che ha in casa”, come lo ha lui stesso definito in più di un’occasione. Difficile però ipotizzare che Alex possa essere da subito competitivo e soprattutto uno dei candidati al titolo iridato: più probabile, invece, che a darsi battaglia siano altri quattro o cinque piloti, a partire da Andrea Dovizioso che con la sua Ducati nel 2019 è stato vice-campione del mondo per il terzo anno di fila. Ci saranno poi, seguendo rigorosamente l’ordine della classifica finale della scorsa stagione, Maverick Vinales con la Yamaha, Alex Rins con la Suzuki e Fabio Quartararo con la M1 satellite. Oltre ad altri due italiani, l’altro ducatista Danilo Petrucci e l’infinito Valentino Rossi, che all’età di 41 anni sarà al via della sua stagione numero 25 in carriera.

Valentino Rossi diviso tra rinnovo o ritiro

A tenere banco sarà anche il mercato piloti, con tutti i rider della MotoGP in scadenza di contratto, ma soprattutto la questione rinnovo o ritiro di Valentino Rossi, con il Dottore che dovrà decidere se continuare o meno nel 2021, sempre più tentato da un futuro a quattro ruote, in particolare nell’endurance auto. Dubbi sulla presenza in griglia di Andrea Iannone, risultato positivo al doping e in attesa della controanalisi del campione B. Tre, invece, i piloti che si sfideranno per il titolo rookie dell’anno: oltre ad Alex Marquez, nel 2020 esordiranno in top class il sudafricano Brad Binder e lo spagnolo Iker Lecuona, il primo sulla KTM della squadra ufficiale, il secondo sulla moto del team satellite Tech3. Tutti e tre, rispetto agli altri titolari, avranno la possibilità di effettuare un turno di test supplementare prima dell’inizio della stagione, partecipando al cosiddetto shakedown di Sepang, la sessione riservata ai collaudatori che rappresenterà il primo giorno di attività in pista del 2020.

Test invernali, Sepang e Losail

I motori si riaccenderanno quindi a Sepang, in Malesia, con lo shakedown di tester e rookie della MotoGP prevista dal 2 al 4 febbraio. Subito dopo toccherà a tutti i titolari tornare in pista per il primo turno di test invernali, in programma dal 7 al 9 febbraio sempre a Sepang. Sarà poi la volta del secondo e ultimo turno di test pre-campionato, dal 22 al 24 febbraio a Losail, dove due settimane più tardi si disputerà la gara di apertura del campionato, il GP del Qatar. Nel frattempo, tutte le squadre presenteranno le nuove moto e programmi sportivi del 2020 nei diversi unveiling previsti prima del via del Mondiale. Ducati e Suzuki sono state le prime due e sole squadre finora ad annunciare sedi e date scelte per la presentazione, 23 gennaio a Bologna per il team di Borgo Panigale, e 6 febbraio a Sepang per il team della Casa giapponese.

20 gare, si parte dal Qatar

Come detto, il primo Gran Premio del 2020 si disputerà in Qatar, come di consueto in notturna, sotto i riflettori del circuito di Losail, l’8 marzo, primo dei 20 round del campionato, nuovo record di gare in una stagione per il Motomondiale. Due settimane dopo toccherà al Chang International Circuit ospitare il GP di Tailandia (22 marzo) che precederà le due tappe oltreoceano, la prima ad Austin, GP delle Americhe, e la seconda in Argentina, al Termas de Rio Hondo. Il circuito di Jerez sarà come sempre teatro del prima gara europea del campionato, il 3 maggio, seguito dal GP di Francia a Le Mans, 17 maggio. Due le tappe italiane, fissate nel weekend del 31 maggio al Mugello e del 13 settembre a Misano.

Il collaudatore dell’Aprilia Bradley Smith al KymiRing / MotoGP.com
in foto: Il collaudatore dell’Aprilia Bradley Smith al KymiRing / MotoGP.com

Novità del 2020 sarà il ritorno in calendario del GP di Finlandia, che si disputerà sul nuovo KymiRing nel weekend del 12 luglio, ultima gara prima della pausa estiva. Dopo le vacanze si ripartirà da Brno per il GP della Repubblica Ceca (9 agosto), seguito dal GP d’Austria al Red Bull Ring (16 agosto) e dal GP di Gran Bretagna, a Silverstone, il 30 agosto. Confermata anche la tripletta asiatica di fine ottobre che partirà con il GP del Giappone (18 ottobre), quindi il GP d’Australia (25 ottobre) e il GP di Malesia (1 novembre). L’ultima gara di correrà sempre al Ricardo Tormo di Valencia, nel fine settimana del 15 novembre, anche se la fine delle attività del 2020 arriverà qualche più tardi, a Jerez, il solo e unico turno di test post-campionato in ottica 2021 prima della nuova pausa invernale. Per quanto riguarda invece le dirette tv, tutti i GP saranno trasmessi da Sky Sport MotoGP, canale 208 della piattaforma satellitare Sky, e in chiaro su TV8 che garantirà la diretta sei gare (Rio Hondo, Mugello, Barcellona, Assen, Misano, Valencia) e le repliche in differita di tutte le altre.

Calendario test MotoGP 2020
Pre-season
2-4 febbraio – Shakedown Sepang
7-9 febbraio – Test di Sepang
22-24 febbraio – Test di Losail

In-season
4 maggio – Test di Jerez
8 giugno – Test di Barcellona
15-16 giugno – Test KymiRing (test Michelin, riservato ai test team)
14-16 settembre – Test Misano

Post-season
19-20 novembre: Test Jerez

Calendario gare MotoGP 2020
08 marzo GP Qatar* – Losail International Circuit
22 marzo GP Tailandia – Chang International Circuit
05 aprile GP delle Americhe – Circuito delle Americhe di Austin
19 aprile GP Repubblica Argentina – Termas de Rio Hondo
03 maggio GP Spagna – Jerez Ángel Nieto
17 maggio GP Francia – Le Mans
31 maggio GP Italia – Autodromo del Mugello
07 giugno GP Catalunya – Circuito di Barcellona-Catalunya
21 giugno GP Germania – Sachsenring
28 giugno GP Olanda – TT Circuit Assen
12 luglio GP Finlandia** – KymiRing
09 agosto GP Repubblica Ceca*** – Circuito di Brno
16 agosto GP Austria – Red Bull Ring
30 agosto GP Gran Bretagna – Silverstone
13 settembre GP San Marino – Misano World Circuit Marco Simoncelli
04 ottobre GP Aragón – MotorLand Aragón
18 ottobre GP Giappone – Motegi Twin Ring
25 ottobre GP Australia – Philip Island
01 novembre GP Malaysia – Sepang International Circuit
15 novembre GP Comunità Valenciana – Ricardo Tormo


* In notturna
** Soggetto a omologazione FIM
*** Soggetto a contratto