La Formula 1 ha scoperto il talento di Charles Leclerc: al giovane monegasco sono bastate appena 4 gare al volante della Ferrari per mostrare a tutti la propria classe e solo la sfortuna gli ha impedito di centrare, dopo essere diventato il più giovane poleman nella storia del Cavallino, la prima vittoria con la Rossa in Bahrain portando a casa una gara dominata dall'inizio alla fine.

Charles Leclerc – Getty images
in foto: Charles Leclerc – Getty images

Ecclestone e quel paragone con Gilles Villeneuve

Tantissimi gli elogi ricevuti dal giovane pilota di Maranello, voluto fortemente dal presidente Sergio Marchionne prima della sua scomparsa; da Lewis Hamilton, che ha pronosticato per lui un futuro ricco di vittorie e successi, fino al compagno di squadra Sebastian Vettel, i giudizi positivi sul giovane monegasco si sono sprecati tanto da farlo diventare il nuovo fenomeno della Formula 1. Leclerc deve ancora dimostrare tanto, ma il suo talento non è passato inosservato tanto che anche Bernie Ecclestone, ex padre padrone del Circus, ha usato parole più che positive nei suoi confronti lanciandosi in un paragone da brividi:

Credevo che mandar via Raikkonen non fosse una buona mossa. Però prima di dare un giudizio definitivo aspetterei un po'. Certo, al momento Leclerc sembra super veloce, ha un grande controllo della macchina ed è persino, forse, più rapido di Vettel. Difficile fare simili paragoni però per personalità mi ricorda un po' Gilles Villeneuve – ha ammesso in una intervista concessa alla Gazzetta dello Sport -. Vettel? Forse pensava che la vita potesse essere più facile, forse non ha realizzato quanto Charles potesse essere veloce ma io resto convinto che Seb possa vincere il campionato.

Parole importanti quelle spese da Ecclestone nei confronti del nuovo pilota Ferrari, ancora a secco di vittorie in Formula 1 ma in grado di scaldare il cuore degli appassionati come pochi altri hanno saputo fare negli ultimi anni. Una vera e propria investitura quella di Mister E che, dall'alto della sua esperienza, non ha esitato a paragonare il giovane monegasco a uno dei piloti più amati non solo dai tifosi della Rossa, ma da tutti gli spettatori della Formula 1; il futuro sembra già scritto, Leclerc è pronto a scrivere il proprio nome al fianco dei mostri sacri della velocità.