La Mercedes, dopo il GP del Canada dove era sembrata leggermente in difficoltà rispetto alla Ferrari, dimostra di essersi ripresa alla grande e, almeno nella prima giornata sul circuito del Paul Ricard, mette tutti in riga sia nella prima che nella seconda sessione di prove libere: dopo aver dominato al mattino, infatti, le due Frecce d'argento si prendono anche il pomeriggio.

Valtteri Bottas – Getty images
in foto: Valtteri Bottas – Getty images

Mercedes in grande spolvero, Ferrari attardate

L'unico cambiamento tra le due sessioni è il pilota che comanda il gruppo; se nella mattinata era stato Lewis Hamilton a prendersi il miglior crono, nel pomeriggio ecco la risposta di Valteri Bottas che ferma il tempo, nel suo giro migliore, in 1:30.937 precedendo il compagno di squadra di circa 4 decimi. Una sessione particolare per il campione del mondo in carica, autore di una scodata che lo ha portato a colpire un paletto a bordo pista e a rischiare il contatto con Verstappen finendo così sotto investigazione. Alle spalle delle due Mercedes ci sono le Ferrari con Charles Leclerc che conferma il 3° posto – a 6 decimi dal leader – della prima sessione e Sebastian Vettel che migliora di una posizione prendendosi il 4° accusando però 7 decimi di ritardo dalla prima posizione.

Più indietro Lando Norris che però conferma la bontà del progetto McLaren, capace di essere ormai costantemente alle spalle dei top team, prendendosi il 5° tempo e anche la soddisfazione di sopravanzare la Red Bull di Max Verstappen, solo 6° e stretto nella morsa delle due vetture della casa di Woking con Carlos Sainz e seguirlo da vicino. Ci peggiora, invece, è Pierre Gasly che non va oltre l'ottavo tempo precedendo l'Alfa Romeo Racing di Kimi Raikkonen e la Haas di Kevin Magnussen che chiudono la top ten della seconda sessione di prove libere del GP di Francia.