La lettera aperta che recentemente è stata scritta dai piloti ai vertici della Formula 1 ha scatenato numerose discussioni e critiche. Anche l'ex pilota Stefan Johansson ha voluto dire la sua in merito a quanto successo poche settimane fa. Anche se la lettera è stata firmata solo dall'associazione di piloti Grand Prix (GPDA), sembrava hce in Bahrain questo approccio fosse supportato da tutti i piloti. Jacques Villeneuve, campione del mondo nel 1997, ha criticato l'iniziativa e ha chiesto ai piloti di fare silenzio. Stefan Johansson, ex pilota di McLaren e Ferrari, ritiene che la lettera della GPDA, molto critica nei confronti della governance di F1, è stata "una pessima idea". Il pilota svedese ha dichiarato:

"Tutto ciò che ha fatto questa lettera è notare l'ovvio e apprezzo come Bernie ha risposto. Essenzialmente, sono d'accordo con loro, ma la loro corretta ortografia e la grammatica testimonia l'attenzione e il rispetto che ha ricevuto dalle persone a cui è stato rivolto ".

I piloti difendono il loro approccio, mettendo in evidenza il fatto che sono loro i primi a dover e poter parlare sulla difficile situazione che sta attraversando questo sport. Valtteri Bottas, pilota del team Williams, ha detto: "Siamo ansiosi di aiutare, anche come fan di questo sport. Finora, nulla è stato fatto. Non abbiamo il diritto di voto sulle decisioni prese".

Johansson ritiene che Ecclestone ha ragione quando dice che i piloti non dovrebbero avere un posto a sedere in un organo come la Commission F1:

"La GPDA non ha un ruolo importante e credo che nessuno dovrebbe prestare attenzione a ciò che hanno da dire. Il suo attuale manager, Alex Wurz, non è nemmeno un'attività pilota. A giudicare dai commenti delle squadre e dagli organi di governo, l'unica cosa che riescono a fare è darsi la zappa sui piedi".

Anche un altro grande della F1 come Gerhard Berger pensa che i piloti dovrebbero almeno avere il diritto di esprimere le loro opinioni:

"Credo che abbiano il diritto di aprire la bocca. I piloti sono gli unici che siedono in auto, ma alla fine le decisioni che devono essere adottate da Bernie e Jean Todt. Al giorno d'oggi, uno dei maggiori problemi è che ognuno ha voce in capitolo e le decisioni rimangono bloccate a tempo indeterminato nei gruppi di lavoro. La governance della Formula 1 ha conoscenza, esperienza e intuizione a sufficienza per prendere decisioni rapide e appropriate".