Leclerc sulla Ferrari
in foto: Leclerc sulla Ferrari

Chi ben comincia è a metà dell'opera e se il detto vale anche per la Ferrari e Charles Leclerc il 2019 sembra promettere bene: il nuovo pilota della Rossa, al debutto sulla SF71H nei test Pirelli sulla pista di Abu Dhabi, è riuscito a mettersi subito davanti a tutti portando il Cavallino a guidare la classifica dei tempi alla pausa di metà giornata.

Leclerc già meglio di Vettel al volante della Ferrari

Un dato su tutti, però, evidenzia la voglia di iniziare subito forte con la Ferrari: Leclerc, infatti, ha già battuto il record del suo compagno di squadra, Sebastian Vettel, che nella prima giornata aveva chiuso il suo miglior giro in 1:36.812. Il monegasco è riuscito, grazie anche a una pista più gommata e a condizioni meteo più favorevoli rispetto a ieri, ad abbassare il tempo del tedesco di ben 3 decimi mettendosi al comando della classifica e fermandosi per la "pausa pranzo" dopo aver percorso 54 tornate. Un inizio che dimostra già il buon feelng stabilito con la vettura e che gli ha permesso di mettersi alle spalle anche un "veterano" come Valtteri Bottas, al secondo giorno consecutivo al volante della Mercedes, ma solo 4°. Tra Ferrari e Mercedes, infatti, ci sono la Red Bull di Pierre Gasly – anche lui debuttante con la nuova scuderia – e Lance Stroll, positivo con la Force India.

Torna in pista anche Daniil Kvyat: il russo, dopo un anno passato a lavorare al simulatore Ferrari, ha ritrovato la gioia della pista grazie alla Toro Rosso portando la vettura al 5° posto davanti alla Renault di Markelov – schierato per il veto della Red Bull a Ricciardo che non ha permesso all'australiano di cominciare a conoscere la nuova monoposto con la quale correrà nel 2019 – e alla Haas di Deletraz. Ottavo tempo, invece, per la McLaren di Carlos Sainz Jr che precede Antonio Giovinazzi, alla prima da titolare con l'Alfa Romeo Sauber: per il pilota italiano, che l'anno prossimo dividerà il box con Kimi Raikkonen, 62 giri all'attivo e il 9° tempo di giornata. A chiudere la classifica, infine, Robert Kubica con la Williams.