Le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel – Getty images
in foto: Le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel – Getty images

"Aspetterei fine anno per fare un bilancio, perché potrebbe essere molto diverso da quello delle prime sei gare. I risultati e la classifica attuale sono severi per la Ferrari, ma l'obiettivo resta arrivare davanti a tutti" ha tuonato Mattia Binotto, team principal della Rossa, alla vigilia del GP del Canada. Un ottimismo che, se si guarda l'avvio di questo 2019, appare immotivato: il 2° posto ottenuto da Sebastian Vettel a Monaco, infatti, rappresenta il miglior risultato ottenuto da un pilota di Maranello fino ad ora, ma nelle prossime 3 gare il mondiale di Formula 1 potrebbe girare proprio a favore della scuderia italiana.

Canada, Francia e Austria: ecco i 3 GP da non fallire per la Rossa

Zero vittorie all'attivo e un dominio da parte di Mercedes che sembrerebbero non ammettere repliche: i vertici della Ferrari, però, sono convinti che le tappe in Canada, Francia e Austria possano rappresentare possibilità importanti nel tentativo di rincorsa. Le prossime 3 piste, infatti, sembrano – almeno sulla carta – , favorire le due SF90; stando a quanto riportato dal sito ufficiale della Formula 1 a Montreal Vettel e Leclerc dovrebbero vedere il gap dalle Frecce d'argento dimezzato rispetto alle gare precedenti sfruttando da un lato il nuovo motore che in Spagna e a Monaco non ha potuto esprimere tutto il proprio potenziale e dall'altra le caratteristiche dei tracciati che presentano veloci rettilinei e curve strette tanto da essere definitivi "circuiti stop&go".

Le due Ferrari di Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images
in foto: Le due Ferrari di Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images

Proprio il Canada potrebbe essere il primo raggio di luce in una stagione fino a qui densa di nubi per la Rossa, ma anche le gare successive, in Francia e Austria, rappresentano una chance da non fallire per le caratteristiche della Ferrari: il circuito di Paul Ricard, infatti, ha molte somiglianze con quello canadese e i due lunghissimi rettilinei aiuteranno non poco le SF90 a ridurre il vantaggio, che ancora esiste, della Mercedes. L'occasione più ghiotta, tuttavia, potrebbe arrivare proprio in Austria dove i rettilinei da sfruttare saranno addirittura 4; al netto di errori di strategia o eventi difficili da prevedere, le prossime gare diranno molto sulla stagione che attende la Rossa. Prima di fare un bilancio, quindi, è meglio aspettare il GP d'Austria tanto che, come ammesso da Binotto, la classifica mondiale potrebbe essere, se non capovolta, quanto meno essere meno amara per la scuderia di Maranello.