Sebastian Vettel – Getty images
in foto: Sebastian Vettel – Getty images

Il polverone alzato dalle polemiche del GP del Canada, con la penalità inflitta alla Ferrari di Sebastian Vettel per una manovra considerata pericolosa dopo il taglio alla chicane di curva 4 nei confronti di Lewis Hamilton, anima ancora la Formula 1 e l'intenzione di fare appello da parte della scuderia di Maranello rende ancora in bilico il risultato, ma intanto le scuderie di Formula 1 stanno cominciando a programmare la prossima tappa del mondiale 2019 che si correrà in Francia.

Mercedes e Ferrari puntano sulla stessa strategia

Un tracciato che, per caratteristiche, potrebbe ancora essere favorevole alla Rossa – seppur in misura minore rispetto a quello di Montreal – con la possibilità di riprendersi subito quanto perso in Canada. Per farlo la scuderia di Maranello ha deciso di puntare forte sulla gomme Soft con la mescola C4 – la seconda più morbida del lotto Pirelli 2019 – per cercare di portare a casa la prima vittoria di una stagione sempre più avara di soddisfazioni. Sebastian Vettel e Charles Leclerc, infatti, come reso noto dal costruttore milanese, hanno scelto di sbarcare in Francia con ben 9 treni della mescola più morbida, accompagnati da 3 di Medium e una sola di Hard. Una strategia aggressiva che, però, è la stessa scelta anche dai rivali della Mercedes con Lewis Hamilton e Valtteri Bottas che potranno contare sullo stesso tipo e sulla stessa quantità di gomme dei due ferraristi.

Una lotta, quella per la vittoria, che potrebbe riguardare non solo i due top team, ma anche la Red Bull che con Pierre Gasly ha operato la stessa scelta delle due scuderie rivali differenziando però la strategia con Max Verstappen che potrà contare su un set di Soft in meno a favore di uno di medie in più che potrebbe portarlo ad effettuare più giri in gara con un singolo treno sacrificando una sosta. Dopo la bella prova offerta in Canada potrebbe ambire alle posizioni di vertice anche la Renault, pronta sul tracciato di casa a mettersi in mostra sfruttando i 10 treni di Soft – sui 13 disponibili per ogni squadra – così come Haas, Alfa Romeo Racing e Toro Rosso, tutte scuderia che lotteranno per entrare nella top ten.